Serie B – Palestrina bella e vincente, ottava sinfonia contro Rieti

di Gaetano Laghetti

PALESTRINA: Rischia 10, Rossi 16, Molinari 6, Vitale 10, Callara ne, Di Giacomo 7, Samoggia 12, Brenda, Stirpe ne, Gagliardo 13. All. Lulli
RIETI: Giampaoli 4, Colantoni 5, Iannone 12, Stanic 12, Granato 2, Feliciangeli 2, Ponziani 2, Auletta ne, Spizzichini 16, Rosignoli 11. All. Nunzi
Parziali: 18-16, 43-34, 59-47

Non riesce nemmeno la NPC Rieti, da oggi targata Prometeo Estra, a fermare la marcia dell’imbattuta Palestrina, ora solitaria capolista. Una vittoria meritata per i padroni di casa e  netta più di quanto dica il punteggio di  74-66, anche se va dato merito a Rieti di non aver comunque mai mollato, nemmeno sul -17 del 3° quarto, arrivando anche al -4 ma senza più la forza di mettere a segno le ultime zampate.

La NPC Rieti si presenta a Palestrina  forte di 6 vittorie consecutive, della nuova sponsorizzazione e di un centinaio di tifosi che hanno sostenuto incessantemente i propri beniamini.  Palestrina si presenta in campo con Rossi Rischia Vitale Samoggia e Di Giacomo, Rieti risponde con i soliti Stanic Iannone e Spizzichini, con Granato (una guardia pura)  in luogo dell’infortunato Benedusi e con il giovane Ponziani sorprendentemente in quintetto, viste le condizioni fisiche non eccellenti  di Feliciangeli che non si è allenato per quasi tutta la settimana a causa dell’influenza. La partenza NPC è piuttosto promettente, è di Ponziani il primo canestro del match, Spizzichini e Granato firmano il massimo vantaggio sul 7-2, le difese sono molto aggressive e attente concedendo poco agli avversari,  Palestrina rientra sul 7-9 grazie alle conclusioni di un Rossi molto ispirato ma Iannone dalla lunetta riporta Rieti a +4 sul 7-11. E’ l’ultimo vantaggio reatino, Palestrina inizia a migliorare le sue percentuali al tiro dalla lunga distanza e vola sul 15-11 con Vitale e il solito Rossi. Iannone firma l’unico tiro dalla lunga distanza del 1° tempo (saranno 2 in totale per Rieti in tutta la partita) per il 15-14. Il 1° quarto si conclude con Palestrina in vantaggio 18-16.

Nel 2° quarto inizia lo show dalla lunga distanza dei padroni di casa, prima sbagliano Gagliardo e Samoggia, ma poi vanno   a segno Vitale e Samoggia per il 24-18. La NPC non riesce a trovare tiri facili e le percentuali ne risentono, il piano partita di coach Lulli di limitare gli esterni reatini funziona alla perfezione con questi ultimi che tirano con percentuali disastrose. E’ dentro l’area che Rieti trova le soluzioni migliori restando nel match sul 26-23, ma Molinari colpisce ancora da 3 e Rossi porta i padroni di casa al massimo vantaggio sul 33-24 a 4’ dal termine. Rieti non molla Rosignoli e Iannone lottano riportando Rieti a -3 sul 33-30, ma sono sempre gli errori dalla lunga distanza a penalizzare gli ospiti, che concedono anche tanti secondi tiri a Palestrina che grazie a Gagliardo e a 2 bombe consecutive di Samoggia vanno all’intervallo lungo in vantaggio 43-34. La lettura della partita è semplice, Palestrina più intensa difensivamente, gira bene la palla e realizza un buon 7/19 dai 6,75, prendendo anche 7 rimbalzi offensivi. Rieti dal canto suo non difende benissimo, con un attacco spesso confusionario e farraginoso, che porta a un misero 1/11 da 3 e 11/25 da 2.

Il 3° quarto è decisivo per Palestrina e per le residue speranze ospiti anche se l’inizio di Rieti è promettente, i canestri di un positivo Spizzichini e di Stanic la portano sul 43-38, Palestrina fatica e Rieti riesce a contenerla bene, ma poi fallisce ripetutamente occasioni per in ulteriore riavvicinamento, Rischia mette il turbo e realizza 6 punti consecutivi che fanno riallungare la sua squadra.  Palestrina sente l’odore del sangue e non molla la presa, Rieti non riesce più a trovare la via del canestro  e il gap gradatamente si allarga con la tripla di  Molinari che a 1’20” dalla fine del 3°  quarto firma il massimo vantaggio 59-42. La partita sembrerebbe finita,ma questa Rieti non molla mai, come i suoi tifosi che la incitano incessantemente,  ed è proprio un reatino,il giovane Colantoni , la carta della disperazione, a siglare la seconda tripla per la NPC dell’intero match,  con Spizzichini dalla lunetta che chiude il 3° quarto con la Pallacanestro Palestrina in vantaggio 59-47.

Vantaggio consistente ma c’è ancora un quarto da giocare, purtroppo per Rieti le percentuali restano pessime, gli ospiti non giocano una grandissima partita, tutt’altro, ma la voglia di combattere su ogni palla c’è, Palestrina soffre per una panchina non eccellente, a parte l’ottimo Molinari, e Rieti continua la sua lenta opera di recupero. Subito Colantoni a segno, poi Stanic e Spizzichini per il -6, Palestrina soffre ma Rieti non ne approfitta fallendo molte occasioni per il ricongiungimento,  a 5’ dalla fine il punteggio è di 65-61 con un 2/2 di Stanic dalla lunetta, ma Rossi riesca a ritrovare la via del canestro dall’arco  2 volte imitato da  Gagliardo. A 1’50” dalla fine sembra nuovamente match in cassaforte per Palestrina sul 70-59 ma non è ancora scritta la parola fine, iannone e Spizzichini siglano un minibreak di 7-0 per  il 70-66 a 43” dalla fine, c’è ancora tempo per il miracolo ma un rimbalzo offensivo di Vitale, l’ennesimo (alla fine saranno ben 15 per Palestrina), chiude definitivamente il match che i padroni di casa vincono soffrendo ma con merito contro un’opaca ma combattiva Rieti, che nonostante percentuali al tiro a dir poco pessime è riuscita a restare in partita fino all’ultimo minuto contro un’ottima squadra che si candida autorevolmente a favorita del girone. Ora per Palestrina  c’è un ulteriore esame di maturità, in trasferta  a Montegranaro, mentre la Prometeo NPC Rieti sarà ancora in trasferta romana, sabato pomeriggio sul campo di una Stella Azzurra ancora ferma a quota 0.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy