Serie B – Per Teramo è crisi profonda, il derby prende la strada di Giulianova

La Rennova Teramo paga carissimo le pessime percentuali al tiro. Decisivi i 12 errori dalla lunetta e il 3/19 dall’arco. Una cinica Giulianova ha la forza di spuntarla nel finale, trascinata dall’esperienza di capitan Di Carmine, decisivo nell’ultimo periodo.

di Federico Di Domenico

Nella decima giornata del girone C2 di Serie B va in scena il derby abruzzese tra Globo Giulianova e Rennova Teramo. Le due compagini sono separate da due punti  in un classifica molto corta, che vede Giulianova a quota 8 punti e Teramo a quota 6. Sopra le aspettative fin qui la stagione dei padroni di casa, reduci da una sconfitta arrivata a Montegranaro (contro la squadra più in forma del momento), arrivata dopo due vittorie preziosissime ottenute tra le mura amiche contro Ancona e Civitanova. Teramo arriva da quattro KO negli ultimi 5 match disputati, tutti arrivati al termine di partite combattute e contro squadre più ambiziose, come Ancona, Roseto e Fabriano la scorsa settimana. Esordio in maglia biancorossa per il lungo Daniele D’Andrea, arrivato in settimana da Padova per sopperire all’addio di Simone Gatti.
Giulianova arriva alla sfida quasi al completo, dopo i tanti problemi avuti causa covid nelle ultime settimane, Teramo invece dovrà fare nuovamente a meno del play titolare Francesco Faragalli (che manca ormai da quattro partite) e del lungo Alessandro Esposito, infortunato nell’ultima partita contro Fabriano, per entrambi problemi alla caviglia.

Giulianova parte con Panzini, Dron, Cacace, Di Carmine e Thiam, la Rennova risponde con Rossi, Di Bonaventura, Serroni, Guilavogui e Tiberti. Partenza aggressiva dei padroni di casa, che dopo 3 minuti si porta sul 9-0 costringendo coach Salvemini al time-out dopo la tripla di Di Carmine. Teramo ha bisogno di ben 5 minuti e mezzo per sbloccarsi, e lo fa solo dalla lunetta con Rossi che segna i liberi dell’11-2. Subito dopo arriva anche il primo canestro dal campo per la Tasp, Serroni piazza la bomba dell’11-5 dopo una rubata e a fermare il gioco stavolta è coach Zanchi. La Rennova passa a zona e frena la fluidità degli attacchi di Giulianova, che, complici le basse percentuali dall’arco, subisce la rimonta di Teramo che rientra fino al -2. I due liberi di Cacace chiudono il primo periodo sul 15-11.
Teramo è più pimpante in avvio di secondo quarto e dopo due minuti e mezzo mette per la prima volta il naso avanti sul 18-20 grazie a due iberi di Witshire. La partita è molto gradevole, entrambe le squadre cercano di mantenere ritmi altissimi, che fruttano parecchie palle perse da entrambe le parti. Giulianova continua a fare molta fatica ad attaccare la zona 2-3 schierata da Salvemini, Teramo cerca con continuità di andare sotto dai suoi lunghi, con buoni risultati. Gli ospiti toccano anche il +4 ma non riescono a piazzare break importanti, così il secondo periodo termina in parità, sul punteggio di 31-31.
Il secondo tempo si apre come si era chiuso il primo, partita molto equilibrata con entrambe le squadre che mettono in campo una difesa aggressiva. Il primo minuto di sospensione arriva dopo nemmeno 3 minuti ed è chiamato da Giulianova, sul punteggio di 35-38. In uscita dal time-out Teramo tocca anche il +5 ma due triple consecutive di Panzini firmano il controsorpasso dei locali sul 41-40. L’equilibrio continua a regnare sovrano e nella seconda metà del terzo quarto si segna con il contagocce, all’ultimo mini riposo il tabellone recita 47-48.
L’ultimo quarto si apre con un 7-0 di parziale per Giulianova che si porta sul 54-48 in poco meno di 4 minuti. A suonare la carica per gli ospiti è Di Bonaventura, un po’ in ombra nei primi tre quarti. Giulianova raggiunge anche il 59-51 a cinque minuti dalla sirena finale prima di subire l’ennesimo rientro di Teramo. A due minuti e mezzo dal termine Rossi fallisce il libero che potrebbe valere il -3 per Teramo, dall’altro lato Thiam appoggia al tabellone per il 61-55, spegnendo le speranze della Tasp. La partita si chiude sul 61-56.

Giulia Basket Giulianova – Rennova Teramo a Spicchi 2K20 61-56 (15-11, 16-20, 16-17, 14-8)
Giulia Basket GiulianovaGianluca Di carmine 17 (5/13, 2/4), Gabriel Dron 12 (2/5, 2/4), Alberto Cacace 9 (2/5, 1/2), Lorenzo Panzini 8 (0/2, 2/6), Iba koite Thiam 8 (3/6, 0/0), Federico Tognacci 4 (2/5, 0/3), Niccolò Lurini 3 (0/0, 1/4), Andrea Spera 0 (0/0, 0/0), Matteo Tersillo 0 (0/1, 0/0), Fabio Scarpone 0 (0/0, 0/0), Maurizio Cantarini 0 (0/0, 0/0), Federico Malatesta 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 10 – Rimbalzi: 39 10 + 29 (Lorenzo Panzini 8) – Assist: 11 (Lorenzo Panzini 5)
Rennova Teramo a Spicchi 2K20Antonio Serroni 14 (3/4, 2/7), Gianmarco Rossi 13 (3/6, 1/9), Edoardo Tiberti 12 (5/8, 0/1), Daniele D’andrea 7 (3/4, 0/0), Giorgio Di bonaventura 3 (1/3, 0/0), Cristiano Faragalli serroni 3 (0/2, 0/2), Michel Guilavogui 2 (1/4, 0/0), William luca Wiltshire 2 (0/1, 0/0), Alessandro Esposito 0 (0/0, 0/0), Nazzareno Massotti 0 (0/0, 0/0), Francesco Faragalli serroni 0 (0/0, 0/0), Alessandro Di febo 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 26 – Rimbalzi: 33 5 + 28 (Edoardo Tiberti 15) – Assist: 7 (Antonio Serroni 4)
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy