Serie B. Piombino prima rischia di affondare, poi reagisce e batte Monsummano

di La Redazione

Strana partita questo derby toscano, poco bel gioco molto nervosismo, Piombino parte con quello che sembra un piano ben preparato e si oppone alla maggior vigoria fisica degli avversari con il tiro dalla distanza, pronti via e Pozzi poi Marmugi , poi Maggio bucano la retina dalla distanza, Monsummano cerca maggiormente, come è nel suo DNA, i tagli e le giocate in area, dopo la partenza i pistoiesi alzano un po´ la difesa sul perimetro, ma Piombino trova ancora buone soluzioni con Gabellieri in entrata, Pozzi e Marmugi, si arriva a metà tempo con un parziale di 15 a 8, frutto anche di una buona circolazione di palla, poi due tiri sbagliati da tre del possibile più 10 innescano uno 0 su 6 dalla distanza per i gialloblù, che da fuori non centrano più la retina e dentro l´area patiscono a dismisura Verri e compagni, bloccandosi e subendo un parziale 12 a 0 con Vannini e Tempestini sugli scudi, 15 a 19 alla prima pausa.
Padovano prova anche ad inserire Iardella che nella nottata precedente il match ha avuto una ricaduta col suo problema alla schiena, ma l´incursore livornese non ce la fa e dopo poco più di due minuti è costretto ad uscire senza più rientrare, bella tegola per i piombinesi.
Nel secondo quarto la musica non cambia, nemmeno Franceschini inserito per Marmugi riesce a controbilanciare la superiorità fisica degli ospiti, anzi Monsummano con capitan Zani e due bombe di Verdiani, marcatore di giornata a sorpresa, vola a più 14 con un parziale di 14 a 2, che sommato a quello del primo quarto fa 26 a 2, una mazzata, come sbattere in un tram contromano dietro una curva, roba da non rialzarsi più, ma se un pregio non si può assolutamente negare ai ragazzi piombinesi è quello di essere un gruppo e di avere dentro una capacità di reazione notevole, trascinata da un Maggio immenso con una bomba di Marmugi a 3´19´´ dalla pausa lunga il Golfo sblocca l´empasse negativa e innesca un inizio di reazione, Piombino ancora non segna, ma riesce a difendere limitando i danni e va al riposo sul meno nove 26 a 35.
Al rientro è ancora Maggio ad iniziare a ricucire lo strappo con 6 punti consecutivi, il play ispiratissimo penetra caricando gli avversari di falli, tira liberi con buona precisione farà 9 su 12 (75%) e ritrova il suo tiro dalla distanza, saranno 5 su 9 le bombe (56%), anche Pozzi dopo il buon avvio nel primo quarto, ritrova la via del canestro con grande continuità con 4 su 7 nelle bombe e 8 su 8 ai liberi, chiuderà con 22 punti, Piombino così recupera fino al sorpasso firmato da due liberi di Marmugi a 3´19´´ dal riposo, Luca chiuderà con 10 punti e 5 rimbalzi, Maggio, prove di fuga, piazza la bomba ma Zani risponde e ancora Verdiani , che chiuderà con 19 punti, spara la bomba del nuovo più quattro degli ospiti si arriva così al riposo sul 47 a 50.
Nell´ultimo quarto Piombino si ritrova e gioca il suo miglior parziale, subito un´altra bomba di Maggio sigla la parità, Zani e Tempestini dalla lunetta riportano per l´ultima volta in vantaggio, sul più due, il team di coach Fantozzi, poi arriva la prima delle tre bombe che Pozzi piazzerà in questo finale di gara, Martini fino ad allora in ombra prova a reagire piazzando anche lui quello che´sarà l´unico suo tiro dalla distanza , ma ancora Pozzi inchioda la retina con la bomba del più 5, con i liberi di Maggio ed una sua entrata vincente Piombino arriva a più nove a 1´20´´ dalla sirena, partita chiusa, resta solo da annotare l´ennesima bomba di Maggio ed i suoi due liberi, che portano il play napoletano a 30 punti personali e infine il risultato finale che sarà 72 a 64 per un generoso , forse non bellissimo, ma di nuovo vincente Piombino.
Una squadra che stasera è parsa un po´ faticare a ritrovare i ritmi di partita dopo la pausa e che in certi momenti ha faticato a creare gioco affidatandosi ai singoli, , ma che ha avuto come detto un gran carattere e stasera ha trovato due artisti, Maggio e Pozzi, che hanno lavorato di cesello e hanno concretizzato il lavoro sporco fatto dai compagni, i due meritano la menzione, perché il play dopo i problemi fisici che rischiavano addirittura di fargli chiudere la stagione, ha confermato di avere gli attributi e le capacità, tenendo in piedi la partita con una prestazione monster, oltre i 30 punti, 5 rimbalzi , 5 assist, 4 recuperate, molti falli subiti e oltre 35 in valutazione, l´ala di Sondalo invece ha risposto alle critiche di discontinuità con una partita fatta di 22 punti, 10 rimbalzi, 3 recuperate e oltre 25 in valutazione, bravi tutti, grande gruppo, ma stasera i due nuovi meritavano la menzione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy