Serie B Preseason: 3° posto per Sangiorgio al torneo di Bernareggio

0

Tante note positive sono arrivate dal Torneo di Bernareggio dove i Draghi di coach Gandini, sono stati protagonisti di un ottimo week end cestistico, sfiorando la vittoria del torneo, sfumata purtroppo  nelle battute finali. Al di là del secondo posto rimangono le buone impressioni, il giusto atteggiamento nell’affrontare le partite e la certezza che si è sulla strada giusta per crescere, con la consapevolezza che  bisogna migliorare ancora diversi aspetti e lavorare con voglia e attenzione per trovare i giusti equilibri e l’intesa perfetta. Sabato sera nella prima sfida che ha visto la Sangio opposta ai padroni di casa del Bernareggio, i Draghi sono sati autori di una prova quasi perfetta. Ritmi altissimi, velocità nel far circolare la palla e la precisone nel tiro hanno permesso ai blu arancio di annientare i brianzoli.
Bernareggio – LTC Sangiorgese 56-93 (16-25, 14-28, 10-18, 16-22).
Ottima la risposta sul campo da parte di tutti, a partire dal capitano Daniele Benzoni autore di 22pt, come quella di Tomasini 17pt. che ha dimostrato ancora una volta la crescita fatta nel corso dell’ultimo anno. Bene anche Giacomelli e Tedoldi e il giovanissimo Dushi che ha segnato i suoi primi due punti. Solida e di sostanza la prova di Alessandro Priuli sotto le plance. Magistrale Giulio Zennaro che di partita in partita sta entrando in simbiosi con i compagni trovando ottime giocate sia in fase di costruzione che realizzativa. Il giovane play di scuola Venezia ha sfornato assist e canestri importanti realizzando 14pt.
La finale si è disputata ieri sera con i pari categoria di Costa Volpino che nel corso dei 40 minuti hanno avuto la meglio sulla banda blu arancio.
LTC Sangiorgese – Vivigas Costa Volpino 66-68 (23-25, 17-16, 13-16, 13-11)
Partita vera con un avvio arrembante da parte dei bergamaschi che sono stati bravi a sfruttare le soluzioni dagli esterni  trovando anche giocate importanti da sotto con i centimetri di Squeo. I Draghi però non hanno perso la testa e nonostante  un massimo svantaggio di 12 punti,  hanno iniziato a prendere le misure sugli avversari. Arginando gli attacchi, stringendo le marcature e facendo circolare meglio la palla hanno trovato il ritmo per segnare rientrando nel finale del quarto con i canestri di Benzoni (19pt), Tomasini (10pt), Zennaro (10pt) e Giacomelli (8pt.). Sostanziale equilibrio negli alti tre quarti dove i ritmi si sono abbassati e la partita è stata sostanzialmente punto a punto. La squadra di coach Gandini ha contenuto meglio i lunghi bergamaschi grazie all’aggressività di Priuli (10pt.) e Scuratti ma ha sofferto le penetrazioni di Dri e Planezio. Ottima la prova del giovanissimo Simone Nuclich protagonista di una partita davvero di sostanza. Match tirato fino all’ultimo secondo che ha premiato Costa Volpino che con Planezio ha trovato i punti della vittoria. Nonostante la sconfitta la risposta dei ragazzi blu arancio è stata sicuramente all’altezza, con spunti e transizioni offensive di buona fattura. Sicuramente c’è da migliorare in alcuni momenti  la fase difensiva come la gestione di alcune transizioni che andrebbero giocate con meno precipitosità ma la crescita avuta in queste settimane non può che far ben sperare.
Il Presidente Carlo Ponzelletti: “Sono soddisfatto. Tutta esperienza in funzione del campionato. Finalmente abbiamo incontrato una squadra della nostra serie e abbiamo visto le difficoltà. Devo però dire che le risposte sono state confortanti. Abbiamo giocato una partita punto a punto, potevamo vincere o perdere ma questo era relativo. Al di la dei veterani in questi due giorni sono stato contento dei giovani. Questa sera Simone Nuclich ha tenuto bene il campo. Sono contento e per noi è una grande vittoria al di la del risultato. Zennaro bene, in generale tutti bene. Mi è piaciuto molto l’atteggiamento.”
Coach Marco Gandini: “Siamo una squadra che se non gioca sempre con la massiva aggressività va in difficoltà. Va in difficoltà in difesa dove abbiamo ancora un po’ di lacune, dettate un po’ dall’inesperienza e un po’ dal fatto che abbiamo dei giocatori che hanno una tecnica difensiva migliorabile. Soffriamo poi in attacco perché quando non troviamo il ritmo difensivo, poi ci diventa difficile trovare il ritmo offensivo. Siamo stati bravi all’inizio nel momento di difficoltà a rimanere dentro la partita con la testa, senza farci prendere dal panico. Quando muoviamo la palla riusciamo ad avere ottime soluzioni in attacco, a differenza di quando la fermiamo e ci incaponiamo a voler tirare con fretta e con soluzioni estemporanee, che sono però figlie del fatto che manca ancora un po’ di conoscenza. Mi è piaciuto lo spirito con il quale abbiamo giocato gli ultimi due quarti, dove abbiamo fatto vedere un’ intensità diversa da quella della prima parte di gara, che non rispecchia il nostro modo di giocare. Buonissime risposte da Simone Nuclich che oggi ha fatto davvero una partita solida e poi dobbiamo essere più bravi nel finale. Essere più attenti e concentrati. Avevano in campo solo Planezio che poteva fare canestro e nelle battute finali abbiamo preso da lui 5 punti abbastanza elementari che si potevano evitare.”
 
Massimiliano Lini