Serie B. Qui Sangio: coach Gandini verso Empoli

0

Altro test importante e difficile, quello che i Draghi dovranno affrontare sabato sera contro Empoli. Un campionato incerto, dove i valori finora nel complesso sembrano molto livellati e basta la minima disattenzione o calo di intensità per rischiare di perdere partite e punti preziosi. Empoli domenica scorsa ha riposato, ma prima della sosta, era reduce da due vittorie consecutive, l’ultima in casa contro Bottegone. Nell’ultimo mese ha dato una sferzata importante al proprio rendimento, dopo una partenza disastrosa con ben 5 sconfitte di fila. Tra le mura amiche la squadra di Coach Angelucci vanta 3 vittorie su 5, e va sottolineato che tutti i successi sono arrivati nelle ultime tre gare disputate in casa. Squadra da prendere con le “molle”, visto anche il passo falso fatto dai Draghi in casa contro il fanalino Torino. Massima allerta e concentrazione per non ripetere gli errori commessi con i Piemontesi. Tra gli avversari, gli osservati speciali saranno Capitan Mariotti classe 1984, play dinamico con alte percentuali realizzative e le guardie Terrosi classe 1989 e Melosi classe 1992 che anno nelle mani tanti punti.
Ecco cosa ne pensa coach Gandini:
 

  • E’ stata assorbita la sconfitta subita contro Torino? Cosa hai detto ai ragazzi in questi giorni?

“Le sconfitte vanno necessariamente lasciate alle spalle. Ai ragazzi ho detto semplicemente che dobbiamo mantenere alta la concentrazione sempre e non dobbiamo mai calare di intensità, perché per la squadra che siamo, non abbiamo la capacità di vincere giocando sotto ritmo.”
 

  • Che aria si respira all’interno dello spogliatoio?

L’aria nello spogliatoio è molto buona. Abbiamo un gruppo di persone positive e unite. Ci stiamo preparando duramente per Empoli e siamo sicuri che venderemo cara la pelle.”
 

  • Statistiche alla mano, risulta che la Sangio ha il terzo miglior attacco dietro a Siena e Varese, mentre purtroppo è la terza peggior difesa. Come pensi andranno trovati i giusti equilibri ?

“Penso che analizzare attacco e difesa solo da un punto di vista segnati e subiti sia sbagliato. Abbiamo giocato tre supplementari e quindi 15’ in più degli altri, aspetto che falsa un po’ le statistiche sia in attacco che in difesa. In realtà credo che la nostra difesa abbia sempre funzionato abbastanza bene, tolta la gara con Torino. Sappiamo comunque che da quella dobbiamo ripartire e stiamo lavorando per farlo.”
 

  • Uno degli avversari più temibili nelle fila di Empoli sarà capitan Mariotti, play dinamico con alte percentuali realizzative. Caratteristiche simili a Maino, spina nel fianco nella nostra difesa domenica scorsa. Che contro mosse prevedi?

Come sempre proveremo a limitarlo di squadra, facendo attenzione a non ripetere gli errori commessi contro Torino. Nell’ultima gara abbiamo concesso 24 punti a tre giocatori teoricamente poco pericolosi e non dovremo cadere nello stesso tranello contro Empoli, che ha un cast di supporto sicuramente migliore rispetto ai piemontesi.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here