Serie B – Rimini ritrova il successo e sbanca Jesi

0

Aurora Basket Jesi-RivieraBanca Basket Rimini 75-92 (parziali 16-22, 38-40, 51-74)
TABELLINO JESI: Magrini 16 (1/4, 3/7), Gloria 16 (7/15), Rocchi 15 (0/4, 4/7), Ferraro 9 (1/1, 2/3), Memed 6 (0/1, 2/7), Cocco 6 (3/4), Valentini 4 (2/2, 0/1), Ginesi 3 (1/1 da tre punti), Giulietti NE, Moretti NE, Rizzitiello NE, Gay NE. All. Francioni, D’Angelo.
TABELLINO RIMINI: Tassinari 32 (7/10, 5/6), Scarponi 13 (1/2, 3/7), Bedetti 12 (3/5, 2/4), Masciadri 10 (2/2, 2/4), Rivali 8 (0/2, 2/3), Rinaldi 7 (2/4, 1/2), Arrigoni 6 (1/2, 0/1), Fabiani 4 (2/2), Amati (0/1 da tre punti), Saccaggi NE, Mladenov NE. All. Ferrari, Brugè, Middleton.

Torna subito alla vittoria Rimini!! Bella reazione da parte dei nostri biancorossi che dopo la brutta sconfitta infrasettimanale contro Ancona strappano nuovamente il referto rosa, a distanza di neanche venti giorni, ai danni dell’Aurora Jesi in quel del PalaTriccoli. Gara a due facce: dopo un primo tempo equilibrato i ragazzi di Coach Mattia Ferrari scappano via nel terzo quarto con un super parziale di 13-34, difendendo il vantaggio conquistato fino alla sirena finale. Un ottimo segnale in vista dello scontro diretto contro la capolista Roseto di domenica prossima al Flaminio!

Subito battaglia al PalaTriccoli: ai canestri di Bedetti rispondono un 3/3 dalla lunetta di Rocchi cui si aggiunge il 2/2 di Magrini, capitan Rinaldi però risponde da tre punti ed il canestro di Tassinari costringe Francioni al timeout (9-13 al 6′). Rimini prova a scappare con 5 punti filati di Tassinari, ma due canestri di Gloria riducono lo svantaggio sul finire di primo quarto (16-22). Ad inizio secondo quarto Rivali va a segno da tre punti, ma Gloria ed il gioco da tre punti di Magrini tengono a contatto Jesi (21-25 al 13′). Rimini spinge forte con le bombe di Tassinari e Scarponi, ma i padroni di casa non si scompongono ed anzi riescono ad impattare grazie alle triple di Ferraro, Magrini e Rocchi che costringono Ferrari al timeout (33-33 al 16′). I biancorossi tornano avanti con 5 punti firmati Masciadri-Rinaldi, ma Rocchi segna la tripla del -2 a 20″ dalla fine del primo tempo (38-40). Al rientro dagli spogliatoi Rocchi segna di nuovo dalla lunga distanza per il +1 Jesi, ma i biancorossi reagiscono di forza con un break di 9-0 (41-49 al 23′). Cocco ricuce il divario per i padroni di casa, ma è solo un’illusione: RivieraBanca va a segno da tre punti con Tassinari, Rivali e Scarponi, mentre i canestri di Rinaldi e Masciadri sfiorano il +20 ospite (43-62 al 26′). Ferraro torna a segnare per i suoi con 4 punti consecutivi, ma Rimini continua a bombardare il canestro da lontano con Tassinari, Masciadri e Scarponi per un sontuoso +24 (47-71 al 28′). In chiusura di terzo quarto il gioco si assesta un po’ di più e Jesi riesce a rosicchiare qualche punto con i liberi di Gloria (51-74). Nell’ultimo quarto i biancorossi sono bravi a gestire il vantaggio conquistato che non scende mai sotto i 20 punti, con momenti anche di +30 dopo il canestro di Fabiani (60-90 al 36′). A risultato già acquisito, i padroni di casa riducono il passivo con la tripla di Rocchi e due volte Cocco prima della sirena finale.


La dichiarazione di Coach Mattia Ferrari:

“Temevamo molto questa trasferta perchè era la terza partita in una settimana, senza Mladenov e Saccaggi le rotazioni sono corte e Rivali non è ancora al 100% dopo l’infortunio. Nella testa potevamo avere ancora qualche fantasma della bruttissima prova contro Ancona, noi abbiamo degli obiettivi e delle pressioni giuste per fare risultati importanti: non volevamo mettere in fila due brutte partite, poi non sempre la prestazione coincide col risultato. Nel primo tempo potevamo strappare e non ci siamo riusciti, brava Jesi a rimanere attaccata; nel secondo tempo ci siamo ancora di più uniti ed abbiamo aumentato la qualità del nostro giocare insieme. L’intensità di Masciadri e Bedetti è salita ed ha dato una svolta importante, Tassinari ha fatto una partita da leader offensivo e ne avevamo bisogno con l’assenza di Saccaggi e Mladenov. Prendiamo tutto quello di buono che c’è da questa trasferta: 35′ di Scarponi ed un ritrovato contributo importante di Masciadri. Torniamo a casa contenti per questa vittoria, adesso abbiamo una settimana intera per recuperare al meglio perlomeno Saccaggi, credo che l’infortunio di Mladenov sia un po’ più complesso ma l’entità verrà fuori domani, e preparare la partita contro Roseto che, al di là della classifica, è obiettivamente bella ed emozionante soprattutto col pubblico al 60% a Rimini: penso che avremo una bella cornice.”

Mercoledì sera Rimini ha affrontato una squadra molto fisica come Ancona, questa sera si è trovata più a suo agio?

“Mercoledì abbiamo perso una partita in cui gli avversari hanno segnato poco più di 60 punti, lo dico con tutto il rispetto perchè hanno giocato in maniera molto solida e facciamo ad Ancona i complimenti, però abbiamo tirato 36 tiri da tre punti di cui 30 erano buoni tiri con gli avversari ad un metro: in realtà siamo una squadra che dimostra durante l’anno di avere qualità e tanti giocatori che possono fare canestro, ora siamo pure senza il nostro migliore tiratore. E’ stato un episodio, siamo venuti qua e, siccome ho una squadra fatta di persone serie, volevamo dimostrare innanzitutto a noi stessi che è stato un episodio e dopo stasera ne siamo convinti. Il campionato è lunghissimo, noi dobbiamo imparare e penso che questa volta abbiamo imparato velocemente dalla partita contro Ancona: nel primo tempo Jesi ha giocato e noi abbiamo reso il secondo tempo più semplice perchè abbiamo alzato i giri del motore, questo è un merito che ascrivo alla mia squadra.”

Coach, questa sera Scarponi è stato autore di un'ottima partita. Quanta coincidenza c'è tra la ripresa del campionato U19 Eccellenza e questa prestazione?

“Tutti i nostri giovani, tolto Mladenov, giocano il campionato U19 ed avevamo bisogno che giocassero da protagonisti perchè quando sei giovane devi giocare e sfogarti. Se prendono fiducia in U19 possono rendere meglio in Prima Squadra; Scarponi ha giocato una partita importante non solo dal punto di vista balistico, ma anche presenza sul campo, soprattutto difensiva. Fabiani ci ha dato una mano come sempre nei minuti che è stato in campo: abbiamo sempre parlato di quanto sia importante per il Club lo sviluppo dei giovani riminesi con l’attività giovanile che cresce grazie anche al lavoro di Massimo Bernardi a Santarcangelo. Credo che anche questa sia una strada che continua nel modo più positivo possibile.”

Si ricomincia con la settimana tipo in vista della super sfida contro Roseto.
“Ho già detto alla squadra il programma della settimana e come ricominceremo: la cosa più importante ora sono gli esami ecografici di Saccaggi e Mladenov di domani, così da capire chi avremo in palestra da martedì. Cominceremo poi a preoccuparci di tutto ciò che succede da qui a Roseto. Ci tengo a fare un ringraziamento personale assolutamente dovuto a Simone Brugè perchè sta facendo un lavoro incredibile: tutte le informazioni che arrivano sono frutto del suo lavoro, è di una precisione ed abilità incredibili. Se oggi siamo arrivati a Jesi con delle idee molto chiare è merito suo.”
RivieraBanca Basket Rimini tornerà in campo domenica 27 febbraio alle ore 18 presso il nostro PalaFlaminio per la super sfida contro la capolista Roseto Basket, sesta giornata del girone di ritorno.

Ufficio Stampa RivieraBanca Rimini