Serie B – Una discontinua Scandone cede il passo a Molfetta

0

Dopo la vittoria sul campo di Reggio Calabria, la Scandone Avellino è costretta a cedere ancora una volta tra le mura amiche del PalaDelMauro contro la Pavimaro Molfetta col punteggio finale di 69-80. Partita che ha visto gli ospiti non cedere mai la leadership del match (+13 di massimo vantaggio), con la formazione biancoverde che più volte ha toccato il -1 ma non è mai stata capace di sorpassare l’avversario, sospinto dalle triple di Calisi e Gambarota nei momenti decisivi nell’ultimo quarto. Top scorer del match il pivot pugliese Visentin, che ha chiuso con 21 punti, dall’altra parte non sono bastati i 19 di un Marra comunque discontinuo, così come un po’ tutta la Scandone. Irpini che dunque rimangono all’ultimo posto in classifica, mentre i pugliesi con questa vittoria si mantengono ampiamente in zona Playoff.

STARTING FIVE
Scandone: Costa, Marra, Sousa, Monina, Ani
Pavimaro: Dell’Uomo, Gambarota, Mazic, Bini, Visentin

PRIMO TEMPO – Partenza molto forte della formazione pugliese, che con i punti di Visentin e Mazic si porta subito sullo 0-7 al 2’, costringendo Robustelli al primo timeout di gara. La musica non cambia, anzi, gli ospiti trovano la doppia cifra di vantaggio con la tripla di Dell’Uomo, nonostante quattro punti in fila di Monina per la Scandone (2-12 al 6’). Nei minuti finali i padroni di casa provano a rifarsi sotto, ma la Pavimaro si difende bene mantenendosi comunque a +10 grazie a Calisi, ma a pochi secondi dalla prima sirena la tripla di Marra riporta Avellino a -7: è 13-20 al 10’. Bini a segno per Molfetta, ma dall’altra parte i locali trovano con Riccio da tre e Monina da sotto i punti del -1 al 12’ (22-23). Gli ospiti rispondono con Calisi da oltre l’arco e tornano a +6, con Marra che accorcia dalla lunetta per Avellino al 15’ (25-30). La partita è più viva che mai, con la Scandone che si riporta sotto con i punti di Ani e Marra, risponde la Pavimaro ai liberi con Gambarota per il 30-33 del 18’; due triple consecutive di Dell’Uomo regalano il rinnovato +6 a Molfetta, ma la Scandone trova un buzzer-beater con Ani che vale il 35-39 col quale si va all’intervallo lungo.
SECONDO TEMPO – L’avvio di ripresa è tutto un botta e risposta tra Visentin e Marra: quattro punti consecutivi per entrambi ed al 23’ è 39-43. Uno scatenato Visentin, ben coadiuvato da Mazic, domina sotto canestro e riporta Molfetta a +9 al 26’ contro una Scandone troppo molle in difesa (41-50). Trapani e Marra riportano Avellino a -4 (46-50), ma dall’altra parte è ancora Visentin ad allungare la forbice di vantaggio per i pugliesi, che torna a +9 prima di subire i liberi di Ani che valgono il 48-55 alla terza sirena. Pronti via, due triple mortifere di Calisi ridanno la doppia cifra di vantaggio alla Pavimaro, che al 32’ conduce 50-61. Ani e Soouza trovano il -6 Scandone, ma Calisi da oltre l’arco è una sentenza e grazie ai suoi punti gli ospiti si mantengono a +9 al 35’ (57-66). Ani, Marra e Soouza non ci stanno e riportano Avellino a -5, ma Molfetta trova nuove risorse in Gambarota: con cinque punti in fila, l’esterno biancorosso spacca di fatto l’incontro, dando il nuovo +10 alla Pavimaro al 38’ (63-73). La partita è ormai conclusa, con le squadre che fanno scorrere gli ultimi secondi: finisce 69-80.

Scandone AvellinoPavimaro Molfetta 69-80
Parziali
: 13-20; 35-39; 48-55

AVELLINO: De Blasi n.e., Costa 5, Marra 19, Genovese n.e., Soouza 7, Ani 14, Riccio 11, Monina 8, Mazzarese 2, Scianguetta n.e., Mraovic, Trapani 3. Coach: De Gennaro.

MOLFETTA: Sasso n.e., Caniglia n.e., Mazic 13, Azzollini, Bini 13, Dell’Uomo 9, Visentin 21, Calisi 16, Serino 2, Mezzina, Gambarota 6. Coach: Carolillo.