Serie B – Scauri, con Matera una sconfitta indolore

Si chiude una stagione da incorniciare per la formazione scaurese

di Cesare Crova

Era una partita di fine stagione, che non serviva a nessuna delle due squadre, con Scauri già salvo e Matera certa del quarto posto. Ma è stata lo stesso una gara emozionante, nella quale entrambe le squadre hanno giocato senza risparmiarsi, che ha lasciato col fiato sospeso il pubblico fino all’ultimo respiro.
I lucani erano alla loro terza partita in sei giorni e soprattutto alla seconda trasferta consecutiva negli ultimi quattro. Per chi pensava che arrivassero rilassati dopo la vittoria contro la Luiss, che gli aveva garantito il quarto posto in classifica, ha dovuto ricredersi.
Scauri deve rinunciare al capitano, Dante Richotti, fermato da un problema muscolare, e parte con Gallo, Longobardi, Laguzzi, Cimàn e Moretti, mentre Matera, che tiene precauzionalmente fermo Giacomo Sereni, risponde con Merletto, Iannilli, Battaglia, Cena e Del Testa.

L’avvio è molto equilibrato, con le squadre che si studiano e nessuna delle due che riesce a prendere le redini dell’incontro, non andando mai oltre i tre punti di vantaggio. La partita è piacevole e il clima in campo è più da amichevole; e Scauri, con Longobardi, chiude il periodo in vantaggio (27-26).
All’inizio del secondo quarto un canestro di Granata porta Scauri sul +3, ha la palla per incrementare il vantaggio, ma la perde banalmente e qui esce fuori tutto il maggior tasso tecnico di Matera che con un parziale di 4-19 imprime un primo segnale forte all’incontro (33-45 al 18’18”), con Cena e Iannilli sugli scudi. Scauri sembra inebetito, molto falloso in attacco e poco concreto in difesa, ma riesce a tenere testa all’avversario e chiude il primo tempo sul -9 (37-46).

Nel terzo periodo la musica non cambia, Matera ha in mano il gioco e il vantaggio si dilata raggiungendo anche i 15 punti di vantaggio. Scauri fatica a ritrovarsi e solo Milisavljevic mostra di tenere testa al più quotato avversario. La partita sembra ormai indirizzata, il quarto si chiude con Matera avanti di 11 punti (58-69).
Nell’ultimo periodo però Scauri tira fuori l’orgoglio, al 33° si è sul 63-74, Fabbri inserisce Gallo, fino ad allora non molto incisivo, che però ora dà un passo diverso alla partita di Scauri. Sale in cattedra e inizia a guidare i suoi a una rimonta insperata. La difesa materana non riesce a contenerne le sue giocate e Scauri punto dopo punto rosicchia il vantaggio fino ad allora accumulato. Al 34’51” si è sul 70-74, Matera riallunga a + 8, ma Scauri vola sulle ali dell’entusiasmo e del sostegno di un pubblico che lo incita con la stessa enfasi che fa tornare la memoria alle memorabili partite della Serie B all’Arena Mallozzi. Al 38’ Moretti segna il canestro del -1 (77-78), ma Merletto a 17 secondi dalla conclusione segna il +3 con una giocata di grande esperienza; sul cambio di fronte c’è una straordinaria giocata di Gallo, che scarica per un liberissimo Moretti che dall’angolo sigla il pareggio (80-80 a -5” e 9 decimi). Il palazzetto esplode di gioia. Origlio chiama sospensione; Scauri ha solo due falli e dalla panchina vengono date precise indicazioni, ma sull’ultimo possesso ancora Merletto ripropone la stessa giocata dell’azione precedente riuscendo con una penetrazione 1 vs 1 a trovare il canestro della vittoria.

L’Olimpia Matera ha dimostrato tutto il suo valore e ha chiuso in bellezza un campionato che ora la vedrà tra le protagoniste dei play-off contro Bisceglie. Ottime le prestazioni di Enzo Cena (21+9 e 21 di valutazione) e Andrea Iannilli (20+9 e 20 di valutazione), ben supportati da Pasquale Battaglia (13 e 3/5 da tre punti) che ha dimostrato la sua temibilità dalla lunga distanza, e soprattutto Daniele Merletto (9) che con la sua grande esperienza ha trovato le giocate che hanno permesso a Matera di vincere. Un po sottotono rispetto alla partita di Roma con la Luiss, sia Mauro Del Testa (6) che il giovane Renato Buono (4), mentre si è fatto trovare pronto quando chiamato in campo Daniel Datuowei (5).

Nelle file del Basket Scauri un’altra grande prestazione del gruppo, guidato dalla panchina dal capitano Dante Richotti, che non è voluto mancare alla passerella finale, dove Andrea Longobardi (16+7, 8/8 ai liberi, 9 falli subiti 22 di valutazione) ha celebrato trent’anni dopo Antonio Riscolo (1987/88) la vittoria di un giocatore scaurese nella classifica dei cannonieri della Serie B con 635 punti (21,2 di media), l’unico a superare la soglia dei 600 punti, anche se questa sera lo scettro di migliore va senza dubbio al giovanissimo Marko Milisavljevic (13+9, 6/9 da due punti, 17 di valutazione) chiamato in campo da Enrico Fabbri e che ha tenuto testa al più esperto e navigato Andrea Iannilli che ha costretto al quinto fallo, un giocatore cresciuto tantissimo nel corso della stagione, grazie al lavoro svolto con Fabbri, Pontecorvo e Vercelli; molto bene hanno fatto Antonio Gallo (13 con 5/8 da due punti), che dopo un periodo di appannamento ha sfoderato una prestazione maiuscola consentendo a Scauri di sfiorare il colpaccio, e Gioele Moretti (13+5 e 3/4 da tre punti) che nei momenti topici dell’incontro ha tirato fuori gli artigli riuscendo a far rientrare Scauri in partita. Bravi anche Mattia Cimàn (9 e 2/4 da tre punti), in un anno molto travagliato per lui, e Mattia Melchiorri (7+6), una pedina che si è rivelata molto importante nello scacchiere di Fabbri che a fine partita ha commentato “Posso solo ringraziare questi meravigliosi ragazzi per quello che hanno fatto. Un gruppo straordinario che è uscito sempre fuori nei momenti più cupi della stagione e non ha mai mollato. Il migliore che io possa ricordare a Scauri negli ultimi dieci anni”.

Si chiude così una stagione travagliata, ma ricca di soddisfazioni per il Basket Scauri, formazione non accreditata a inizio stagione se non per un posto nei bassifondi della classifica, che invece ha lasciato dietro di se squadre blasonate, tecnicamente ed economicamente più forti. E questo grazie al lavoro importante di uno staff tecnico di primo livello, guidato da Enrico Fabbri, alla sua migliore stagione sportiva a Scauri, con Vincenzo Pontecorvo, il miglior secondo della Serie B, ed Edoardo Vercelli, una piacevole sorpresa anche per il lavoro fatto nel settore giovanile, e il nuovo preparatore atletico, Hansel Perilli. Insieme hanno saputo ottenere il meglio da un gruppo di atleti che si è cementato nel gtempo, in cui ha primeggiato la stella di Andrea Longobardi, un ragazzo di qualità, grande spessore tecnico, altruismo tattico e apprezzata modestia, a cui ora si spalancheranno sicuramente (glielo si augura) palcoscenici più importanti in Serie superiori.

Basket Scauri – Olimpia Matera 80-82 (27-26, 12-21, 19-23, 22-12)
Basket Scauri: Andrea Longobardi 16, Gioele Moretti 13, Antonio Gallo 13, Marko Milisavljevic 13, Mattia Cimàn 9, Guillermo Nicolas Laguzzi 7, Mattia Melchiorri 7, Luca Granata 2, Victor Manuel Papa, Dante Richotti n.e., Ivan Treglia n.e., Lorenzo Scamppone n.e.
Allenatore: Enrico Fabbri

Olimpia Matera: Enzo Cena 21, andrea Iannilli 20, Pasquale Battaglia 13, Daniele Merletto 9, Maurizio Del Testa 6, Daniel Datuowei 5, Renato Buono 4, Mario Mancini 4, Giacomo Sereni n.e., Domenico Centoducati n.e.  Allenatore: Agostino Origlio

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy