Serie B. Secondo KO Monsummano, gioia esterna per la Sangio

di La Redazione

MERIDIEN – Zani 15, Vannini 6, Tempestini 13, Verri 8, Morini ne, Piccoli ne, Verdiani, Botteghi 6, Martini 12, Tommei 11. All.. Fantozzi.

SANGIORGESE – Peroni 9, Tomasini 16, Benzoni 27, Zennaro 7, Scuratti, Nuclich 2, Ponzelletti ne, Tedoldi 9, Priuli 5, Giacomelli 2. All.: Gandini.

ARBITRI – Posti e Leonelli

PARZIALI: 16-11, 35-36, 55-53

Seconda sconfitta consecutiva per Monsummano, che perde un importante scontro salvezza con la Sangiorgese (71-77) raccogliendo la sesta sconfitta stagionale. I lombardi violano il Palameridien grazie ad una accorta gestione del finale sulle ali di super Benzoni, 27 punti e palloni al bacio per i compagni. Una partita che era ampiamente alla portata dei ragazzi di coach Fantozzi e che è sfuggita di mano come una saponetta, col pallone che negli ultimi cinque minuti non voleva saperne di entrare. L’obiettivo principale della Meridien è marcare bene il temuto Benzoni, sul quale Verdiani spende due falli in un amen. L’obiettivo principale degli ospiti invece è impedire il gioco interno di Monsummano, ma la squadra biancoblù si complica la vita da sola perdendo 12 palloni nei primi due quarti, proprio cercando con insistenza i suoi lunghi. Il primo strappo alla gara lo da Zani, entrato come sesto uomo, che segna 7 punti di fila e spinge Monsummano al massimo vantaggio (16-8 al 5’). Gli ospiti hanno Benzoni fuori fase e coach Gandini decide di rinunciare al suo apporto, optando per un quintetto operaio. Monsummano sembra avere il controllo del match grazie alla superiorità in area ed alla pericolosità nelle penetrazioni, ma i 12 palloni persi generano i contropiedi della Sangiorgese che si rimette a galla. Dopo il +7 firmato Martini (26-19) gli ospiti siglano un parziale di 17-6 con Benzoni che entra nel match (9 punti nel secondo quarto), prima che lo stesso Martini segni la tripla che manda tutti negli spogliatoi. Nel terzo quarto la gara si mantiene in equilibrio anche se Monsummano spreca tante occasioni per avere un vantaggio importante, perché oltre i sei punti di vantaggio non riesce ad andare. Fantozzi trova un redivivo Botteghi ma ha scarse percentuali dagli esterni, e pian piano la squadra sembra perdere certezze. Nell’ultimo quarto la partita è una bagarre e con molta fatica la Meridien resta a galla, arriva a +5 (60-55) ma si fa risucchiare da un parziale di 10-3 firmato Benzoni e Peroni. L’ala lombarda è brava sia a segnare che a far segnare, e sono le sue invenzioni a mettere in moto i compagni. E’ qui che Monsummano perde la partita, non sfruttando neppure un antisportivo a favore e tirando anche non bene i liberi (16/26). La firma sul match la mette Peroni con una tripla dall’angolo, e nei restanti due minuti da giocare i biancoblù non riescono a riemergere consegnando la vittoria agli avversari.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy