Serie B. Senigallia passa a Cagliari

di La Redazione

Settima sconfitta stagionale per l’Olimpia Trony Cagliari, battuta in via Rockefeller dalla vice capolista Goldengas Senigallia col punteggio di 56-77. A dispetto del netto divario finale, i biancoverdi sono rimasti in partita per larghi tratti, tornando anche a contatto (-5) nella parte iniziale del terzo quarto. Ma a lungo andare il grande tasso tecnico degli ospiti, protagonisti di un grande avvio di campionato, ha fatto la differenza, e i Pumas hanno dovuto registrare il quarto ko interno in stagione.

LA GARA – Coach Caboni premia con il quintetto al giovanissimo Angius, e schiera assieme a lui Sanna, Villani, Putignano e Soro. Assente Michele Mastio, oltre all’infortunato di lungo corso Federico Manca. Dall’altra parte, Senigallia risponde con Pierantoni, Battisti, Maddaloni, Pasquinelli e Casagrande.
Nei primi minuti di gara l’Olimpia trova delle buone conclusioni con Sanna e Putignano, e ribatte colpo su colpo alle iniziative di Senigallia, che tuttavia nei due minuti finali del primo quarto riesce a prendere il largo grazie a un parziale di 10-0. L’Olimpia non trova più la via del canestro, e al primo mini riposo si va con i marchigiani in pieno controllo sul 10-19.
Nel corso del secondo periodo la Goldengas amministra con grande esperienza il vantaggio accumulato, mentre l’Olimpia si affida soprattutto alle iniziative di Davide Sanna, che riesce a regalare ai suoi il -8 (18-26). Gli ospiti, dal canto loro, continuano a martellare, e, approfittando anche dell’espulsione comminata a Stefano Chessa, guadagnano il +14 (23-37 dopo il canestro di Catalani) per poi chiudere il primo tempo in vantaggio di 11 punti sul 26-37.
Caboni riesce a rivitalizzare i suoi nell’intervallo, e al rientro in campo l’Olimpia è protagonista di una straordinaria fiammata d’orgoglio che vede come grande protagonista Davide Sanna, autore di 6 punti consecutivi andando spalle a canestro. I Pumas toccano anche il -5 (canestro di Cocco), ma Senigallia non si scompone e riprende rapidamente il controllo delle operazioni a suon di triple: vanno a bersaglio dall’arco Battisti, Pierantoni e due volte Giampieri, e la Goldengas chiude agevolmente il terzo quarto avanti di 17 lunghezze (45-62).
L’ultimo parziale ha ben poco da dire: alle difficoltà dovute alla forza indiscutibile dell’avversario, per l’Olimpia, si aggiungono anche le pessime percentuali al tiro (2/14 da tre, 14%) che rendono pressochè impossibile ogni tentativo di rimonta. Senigallia mette così il pilota automatico e conduce in porto la sua sesta vittoria consecutiva, chiudendo la pratica sul punteggio di 56-77. I Pumas, invece, si proiettano già verso una settimana di duro lavoro: obiettivo recuperare gli assenti e preparare al meglio la trasferta, certamente più alla portata, di Roma contro la Luiss.

Questo il commento post partita di Davide Sanna, top scorer biancoverde con 25 punti: “Abbiamo tenuto botta per larghi tratti – afferma l’esterno dei Pumas -, ma ci manca ancora qualcosa per riuscire a rimanere in partita per tutti i quaranta minuti. Stiamo lavorando per migliorare questo aspetto. Ora, vuoi i problemi dovuti agli infortuni di diversi giocatori, vuoi le idee di basket del nuovo allenatore che stiamo pian piano assimilando, non ci siamo ancora riusciti. Va detto che anche il calendario non ci ha aiutati nelle ultime tre partite. Senigallia oggi è stata molto brava a leggere tutte le situazioni di gioco: ci hanno sempre puniti a ogni minimo errore.”

Olimpia Trony Cagliari-Goldengas Senigallia 56-77

Olimpia: Sanna 25, Angius, Putignano 7, Villani 4, Soro 9, Chessa, Longu 3, Mancini, Cocco 2, Puggioni 6. Allenatore: Caboni.

Senigallia: Pierantoni 9, Battisti 11, Maddaloni 7, Pasquinelli, Casagrande 11, Catalani 13, Giampieri 13, Bertoni 9, Scrima 4, Cicconi. Allenatore: Valli.

Parziali: 10-19; 16-18; 19-25; 11-15

Arbitri: Borghi Luigi di Cucciago (CO) – Balzarini Davide Emilio di Milano (MI)

Ufficio stampa
Olimpia Trony Cagliari

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy