Serie B – Teramo: a Bisceglie senza paura

Biancorossi in visita a casa della terza forza del girone, una trasferta molto insidiosa ma da affrontare con la solita forza mentale.

di Marco Di Egidio

Dopo la grande vittoria contro Matera, il Teramo Basket 1960 è pronto per affrontare in trasferta una delle corazzate del Girone C, i Lions Bisceglie, squadra terza in classifica a quota 28 punti. Sarà un match sulla carta, e sul campo, difficilissimo per i ragazzi di coach Piero Bianchi che si troveranno di fronte probabilmente la squadra più in forma del campionato, reduce da ben 11 vittorie nelle ultime 12 partite, compreso il derby vinto in trasferta sul campo della capolista San Severo.

I pugliesi hanno sofferto ad inizio stagione a causa di numerosi infortuni e problemi fisici che hanno ridotto il potenziale del roster, proprio in quel periodo il Teramo riuscì a vincere la partita d’andata (privo tra l’altro di Cicognani) con il punteggio di 73-68. Due punti d’oro per i biancorossi visto che da quella partita in poi Bisceglie ha letteralmente messo le marce alte, strapazzando gli avversari e riconquistando le vette alte della classifica.

La svolta è avvenuta con l’acquisto del playmaker di scuola Virtus Bologna Simone Bonfiglio, giocatore di categoria superiore che ha portato ordine, ma anche energia ai leoni. Il quintetto poi è composto da Diomede, giocatore che lo scorso ha vinto il campionato con Montegranaro, molto bravo nell’uno contro uno e con un buon tiro da fuori. In posizione di ala piccola troviamo Bedetti, anche lui vincitore dello scorso campionato con Montegranaro, grande atleta ed ottimo difensore. In ala grande c’è Castelluccia, tiratore mortifero ed esperto con tanti campionati di Serie B alle spalle. Completa lo starting five Antonelli, centro molto tecnico di 2.08 m con esperienza in Serie A con Varese, abile passatore con buona visione di gioco. Dalla panchina escono il rosetano Di Emidio, cambio degli esterni con grande talento in attacco e buon difensore. Il cambio dei lunghi invece è Azzaro, l’anno scorso a Taranto dove ha fatto registrare statistiche molto positive. In panchina siede una vecchia conoscenza del basket abruzzese, coach Domenico Sorgentone che ha dato un’impronta camaleontica alla sua squadra, capace di avere tantissime soluzioni e di adattarsi soprattutto al tipo di avversario che affronta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy