Serie B – Teramo archivia la pratica Val di Ceppo senza problemi

I biancorossi, sempre in vantaggio nel corso della partita, portano a casa i due punti con pragmaticità e senza patemi, grazie anche ai 22 punti di capitàn Lagioia.

di Marco Di Egidio

Ultimo turno prima della pausa Coppa Italia per la Serie B 2017/18. Dopo il referto giallo di Bisceglie, il Teramo Basket 1960 riceve in casa il fanalino di coda Sicoma Val di Ceppo. Nonostante la partita dell’andata vide i biancorossi regalare la prima vittoria in campionato agli umbri, coach Bianchi e i tifosi di Teramo si aspettano che sia rosa questa volta, il referto.

LA PARTITA. Teramo si schiera alla palla a due con Salamina, Nolli, Lagioia, Staffieri e Milojevic; risponde Val di Ceppo con Casuscelli, Marchini, Meschini, Matejka e Panzieri. Entrambe le squadre sembrano aver trovato ritmo fin dalle prime battute di gioco: Teramo cerca di attaccare più volte la non asfissiante difesa avversaria, mentre l’attacco di Val di Ceppo nasce e muore dalle giocate di Umberto Meschini. Il primo break di Teramo arriva dopo sei minuti di gioco, grazie a tre centri da oltre l’arco messi a segno da Nolli, Musso e Lagioia; gli umbri provano ad aumentare la verticalità con l’ingresso di Mobio, ma Milojevic ed Errera danno entrambi un buon contributo difensivo e dopo 10 minuti di gioco Teramo è avanti 24-16. Nel secondo quarto coach Bianchi decide di provare ad allungare ulteriormente nel punteggio schierando una zona molto aggressiva sui tiratori: la scelta paga dividendi ma comporta anche il terzo fallo di Simone Salamina, costretto ad uscire a 5 minuti dalla pausa lunga. Nonostante le polveri bagnate di Meschini, per Val di Ceppo sale in cattedra Marchini, che con un parziale personale di 5-0 rimette in carreggiata i suoi. Teramo risponde prontamente grazie all’esperienza di Victorio Musso e Andrea Lagioia, che al minimo vacillare dei compagni prendono in mano la situazione e permettono ai biancorossi di allungare a +12 il vantaggio a metà partita. Nella ripresa Val di Ceppo cerca di giocarsi il tutto per tutto a livello di energie, aggredendo la partita con grande intensità: Teramo appare spaesata e perde una serie di palloni banali. Incomprensibilmente, con la sua squadra comunque in controllo, Bianchi urla contro gli arbitri per un presunto fallo in attacco non fischiato e vede fischiarsi un fallo tecnico di cui, francamente, i biancorossi potevano fare a meno. Fortunatamente per i padroni di casa i limiti degli umbri in entrambe le metacampo iniziano a venire a galla. L’iscrizione ai marcatori, finalmente, della partita di Salamina coincide con il massimo vantaggio di Teramo, che dopo tre quarti di gioco conduce di 14 lunghezze. Il quarto periodo è segnato ancora dalla precisione da oltre l’arco di capitan Lagioia e dallo spadroneggiare di Milojevic. Gli ospiti giocano una buona pallacanestro e si sbattono anche parecchio in difesa, ma è la qualità dei singoli a fare la differenza: Teramo scappa sul +23 a 5 minuti dalla fine dell’incontro, il resto è puro garbage time. Teramo batte nettamente Val di Ceppo e può guardare col sorriso al turno di riposo della prossima settimana, nella quale si giocherà la Coppa Italia di categoria.

LA STATISTICA. Nei momenti decisivi della partita sono stati i rimbalzi (41) e i palloni recuperati (7) a decidere le sorti del match. La pressione difensiva teramana e il controllo delle plance hanno affossato Val di Ceppo, che non è riuscita a mettere la fisicità adatta a questo genere di partita.

TERAMO BASKET 1960 8060 SICOMA VAL DI CEPPO

Parziali: 24-16 ; 18-14 ; 19-17 ; 19-13

Tabellini
Teramo: Lagioia 22, Milojevic 18, Musso 15, Staffieri 8, Nolli 8, Salamina 3, Di Eusanio 3, Osmatescu 2, Piccinini 1, Errera, Manente, Ceci. All. Bianchi
Val di Ceppo: Panzieri 15, Meschini 13, Marchini 12, Casuscelli 10, Orlandi 4, Metejka 4, Mobio 2, Righetti, Speziali, Ciancabilla n.e., Burini n.e. All. Schiavi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy