Serie B – Teramo c’è per tre quarti, ma nell’ultimo periodo crolla contro Catanzaro

Biancorossi avanti fino al 33esimo minuto di gioco, poi i calabresi trovano la zampata decisiva per portare a casa il match.

di Marco Di Egidio

Che non sarebbe stato facile vincere a Catanzaro i ragazzi di coach Bianchi lo sapevano bene: in settimana è arrivata prima la partenza di Tessitore, poi l’infortunio di Angelini a complicare ulteriormente le cose. Di fatto sono 7 i giocatori di categoria che possono scendere in campo in Calabria, e non giocano neanche male. Per i primi tre periodi di gioco, infatti, gli abruzzesi comandano il match toccando anche quota +10. La Mastria Vending sembra soffrire in particolare le penetrazioni di un ottimo Simone Salamina, ma riesce ad arrivare all’ultimo minibreak sotto di sole 5 lunghezze. Proprio nel quarto periodo accade ciò che coach Bianchi temeva di più: improvvisamente finisce la benzina dei biancorossi, Catanzaro riprende a crederci e, guidata da Davide Naso, riesce a riagganciare Teramo e a mettere la testa avanti con soltanto due minuti sul cronometro. Le note positive sono comunque tre: i biancorossi escono comunque a testa alta,la salvezza è ancora ampiamente alla portata, e dalla prossima settimana si potrà contare sul nuovo acquisto Rubbera, nella speranza che si torni a viaggiare sui binari della vittoria.

MASTRIA VENDING CATANZARO 7267 META TERAMO

Parziali: 15-22 ; 14-14 ; 14-12 ; 29-19

Tabellino
Catanzaro: Carpanzano 12, Medizza 1, Morici 13, Di Dio 7, Naso 17, Artili 7, Monacelli 8, Guadagnola 7, Calabretta, Latella n.e. All. Colao.
Teramo: Lagioia 18, Nolli 7, Tomasello 13, Salamina 17, Papa 5, Gaeta 7, Lucarelli, Oliviero n.e., Di Pietro n.e., Manente n.e. All. Bianchi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy