Serie B. Un Basket Scauri generoso cede a Patti

Non basta una prestazione mostruosa di capitan Richotti per evitare la socnfitta in terra siciliana, complice le precarie condizioni fisiche di alcuni giocatori fondamentali della formazione tirrenica.

di Cesare Crova

Esce sconfitto con l’onore delle armi il Basket Scauri dalla trasferta siciliana di Patti, alla quale era arrivato con una striscia di due vittorie consecutive con Palestrina e Luiss e una serie di ottime prestazioni.
Purtroppo, la formazione pontina ha dovuto fare pesantemente i conti con la mala sorte. Prima il grave infortunio a Nikola Markus, che lo costringe a teminare anzitempo il campionato. Poi alla vigilia della trasferta problemi alla schiena per Santiago Boffelli, che hanno fatto temere fino all’ultimo la sua presenza. In ultimo, Luca Antonietti colpito da una forma influenzale nella serata della vigilia.
In queste condizioni altre squadre avrebbero alzato banidiera bianca, considerata la limitatezza dei cambi dovuta a una panchina corta. Ma il Basket Scauri ha fatto quadrato onorando il campo e sfiorando la vittoria finale.

La partita era inziata molto male, con Scauri in balia dei pattesi, che volano al + 14 del primo quarto (23-9). Si teme una nuova pessima figura, si guarda al + 30 maturato all’andata temendo una Caporetto. Ma l’orgoglio scaurese è più forte di tutte le avversità e con un grande secondo quarto rientra prepotentemente in partita (34-33 al 20′).
A inizio ripresa riesce anche a mettere la freccia con una conclusione pesante di Joshua Giammò. La partita resta punto a punto, Patti sul proprio campo è ben altra cosa rispetto alle prestazioni viste in trasferta e grazie alle buone prove di Gullo (20), Bolletta (17) e Costantini (11) riesce a portare a casa una sofferta vittoria.

Realista, e oggettivo come sempre, l’allenatore Renato Sabatino a fine gara: “Abbiamo subito il loro agonismo. Noi abbiamo giocato un primo periodo da dimenticare e questo ci ha penalizzati per il resto dell’incontro. Una volta rientrati in partita non siamo riusciti a imporre il nostro gioco. Non importa, la pallacanestro va così, bisogna trarre profitto anche da queste situazioni. Ora dobbiamo guardare al recupero dll’8 marzo a Teramo e pensare alla prossima partita in casa contro Napoli, il 12 marzo, che sicuramente sarà per noi un incentivo a fare bene“.

Tra le fila scauresi, imbarazzante la prova di Dante Richotti: 25 punti, 7/11 da due punti, 11/15 nei liberi, 7 rimbalzi, 7 palle recuperate, 10 assit, 44 di valutazione. Non ci sono commenti per un giocatore di grande intelligenza tattica, che nei momenti difficili si carica di responsabilità e guida la nave in battaglia.
Stoico Santiago Boffelli, che nonostante la patologia che lo ha colpito in settimana e i conseguenti allenamenti a scartamento ridotto, ha dimostrato ancora una volta il suo valore (21 punti, 5/7 da due 2/4 da tre 5/6 ai liberi e 21 di valutazione). Ha fatto quello che le forze gli hanno permesso Luca Antonietti,  mentre una nota di merito va al giovane Alexandru Varga (classe ’99), gettato nella mischia dall’allenatore, che ha ripagato con 4 punti, 2/3 da due e 2 rimbalzi.

Con questi risultati, il Basket Scauri resta al nono posto con Cefalù e Teramo, mentre deve guardarsi le spalle dal ritorno della Vis Nova, ora a quattro punti dai tirrenici, contro la quale giocherà l’ultima giornata a Roma.
Sarebbe una grande beffa, dopo tutte le vicissitudini patite, che lo Scauri dovesse affrontare i play-out.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy