Serie B – Un brutto Scauri cede a una Dynamic Venafro

0

Alla fine dell’incontro l’allenatore Renato Sabatino è stato molto chiaro “Venafro ha giocato meglio e ha vinto con merito. Conosco la pallacanestro da oltre 35 anni e quando hai a che fare con una squadra giovane come la nostra devi aspettarti grandi prestazioni e partite come quella di oggi. Meglio, così adesso potremo resettare tutto e lavorare a riflettori spenti senza farci prendere da facili entusiasmi. Ricordiamoci qual è la nostra missione”.

Questo il commento a una delle partite più brutte disputate dalla formazione tirrenica, che cede senza nessun alibi alla Dynamic Venafro, giunta in riva alla Baia di Scauri con il preciso intento di portare a casa due punti importanti per la classifica. Così è stato, dimostrando che il cammino fin qui svolto non rispecchiava la qualità tecnica di una formazione che merita senz’altro più di quanto avesse raccolto fino ad ora. Viceversa, Scauri deve fare i conti con una partita nella quale non ha funzionato nulla, dove ha subito la tecnica di Venafro in lungo e in largo. Le statistiche non sono esemplificative del disastro a cui si è assistito. I molisani nel primo tempo hanno dominato a rimbalzo e sono stati precisissimi al tiro (a metà del secondo quarto tiravano con 7/11 da tre punti contro lo 0/3 di Scauri), con un ispiratissimo Rinaldi che ha confermato essere il migliore realizzatore dei suoi, con percentuali altissime da oltre l’arco dei tre punti. Solo alla distanza, quando la partita era ormai compromessa, Venafro è calata nelle percentuali al tiro (47% da due e 38% da tre) e Scauri ha trovato maggiore dinamicità a rimbalzo (40-33 alla fine).

In tutto questo, da dimenticare la serata degli arbitri che hanno influito negativamente sul risultato nei momenti nei quali lo Scauri stava profondendo il massimo sforzo. Tra i tanti episodi un fallo fischiato a Longobardi su un tiro da tre punti di Rinaldi alla fine del primo quarto, che ha permesso a Venafro di rintuzzare il ritorno degli scauresi e chiudere il tempo sul +10 (14-24). Una delle tante situazioni che hanno sicuramente innervosito i giocatori locali. Nel secondo quarto Venafro è arrivata anche a +17, ma qui Scauri ha ritrovato l’orgoglio che le ha permesso di rientrare a -9 e di nuovo sono diventati protagonisti gli arbitri, che con fischi molto discutibili hanno di fatto bloccato lo sforzo di rientrare in partita dei padroni di casa. La ciliegina è giunta all’ultimo secondo del primo tempo, quando su una penetrazione Rinaldi è stato stoppato, ma gli arbitri hanno visto un fallo di Richotti che non era nell’azione. Questo ha cagionato le vibranti proteste di Longobardi a cui è stato fischiato un tecnico. Cosa che ha permesso a Venafro, con tre tiri liberi,  di chiudere il tempo sul +15 (33-48). A questo punto la partita può dirsi conclusa, anche perché al rientro per il secondo tempo si è avuta la notizia che gli arbitri avevano nel frattempo, negli spogliatoi, espulso lo stesso Longobardi.
Il secondo tempo è stata solo gestione dell’incontro e una vittoria che arride meritatamente alla formazione molisana.

Tra i singoli, nelle fila di Venafro (priva ancora dell’infortunato Tamburrini) magistrali le prestazioni di Niccolò Rinaldi (24 e 4/9 da tre punti) e Marco Rossi (18+7, 4 assist e tantissima classe), ai quali si sono aggiunti i vari Gioele Moretti (16) e Raffaele Minchella (11), trovando spazio alla fine i giovanissimi Bandera, Carcillo e Pirozzi.
In quelle dello Scauri forse si è salvato il solo Davide Serino (21+11 e 24 di valutazione) che ha risentito della difesa asfissiante a cui è stato sottoposto (quando riceveva palla triplicavano la difesa su di lui sotto canestro).

Adesso si guarda alla prossima partita, mercoledì 1° novembre, che arriva molto presto trattandosi del primo turno infrasettimanale e vedrà Scauri andare ospite dell’Arechi Salerno, reduce dalla vittoria con la Stella Azzurra. Si auspica serva ai giovani giocatori scauresi per ritrovare quella verve vista nelle prime tre giornate di campionato e riprendere il cammino verso la salvezza che deve essere l’obbiettivo che la Società si è prefissa per quest’anno.

 

Basket Scauri – Al Discount Dynamic Venafro 61-82 (14-24, 19-24, 16-15, 12-19)

Basket Scauri: Dante Richotti 10, Davide Serino 21, Andrea Longobardi 3, Raffaele Marzullo 2, Simone Manzo, Vincenzo Provenzani 8, Federico Casoni 6, Andrea Zolezzi 4, Alexandru Varga, Vincent Okon 5, Giordano Chakir 2, Giorgio Mannarelli n.e.
Allenatore Renato Sabatino

Dynamic Venafro: Marco Rossi 18, Niccolò Rinaldi 24, Raffaele Minchella 11, Giuseppe Sabetta, Gioele Moretti 16, Khadim Gueye 2, Guillermo Nicola Laguzzi 7, Luca Cancelli 4, Giuseppe Carcillo, Pasqale Pirozzi, Marco Bandera, Mario Tamburrini n.e.
Allenatore Arturo Mascio