Serie B – Vigevano, emozioni a non finire al Basletta. Crolla la capolista Sangiorgese dopo due overtime

Serie B – Vigevano, emozioni a non finire al Basletta. Crolla la capolista Sangiorgese dopo due overtime

La Elachem 1955 Vigevano aggredisce la partita con un arrembante inizio (26-18 al 10′), ma subisce il rientro della solidissima Sangiorgese che dà vita a un entusiasmante e interminabile confronto punto a punto, risolto soltanto dopo 50 estenuanti minuti di gioco (97-95).

di Andrew Villani

 

I 6 NUMERI DELLA PARTITA 

7 – Nella prima frazione di gioco di Vigevano, pressoché perfetta, vi è l’imbarazzo della scelta su quale aspetto focalizzarsi, tuttavia il dato degli assist smazzati, 4 per Panzini e 3 per Vecerina, è emblematico della coralità e della qualità del gioco espresso. Vecerina, sbloccatosi col primo canestro dell’incontro, trova fiducia nei propri mezzi e attacca con costanza il ferro, Petrosino risulta, tanto poco elegante nelle esecuzioni, quanto terribilmente efficace (sarà a 7/7 al 38′) e Benzoni e Verri colpiscono dal perimetro. E’ la miglior versione ammirata dei ducali in queste cinque giornate.

31 – I punti raccolti dalla panchina, anche se è un concetto ormai superato nel basket moderno, dalla Sangiorgese. Gli innesti messi in campo da coach Quilici sono autori, uno per uno, di eccezionali prove balistiche. Parlato, confeziona la prima di serie di fiammate, con tre siluri dalla distanza (da 21-15 al 9′ a 28-26 al 12′), poi si aggiunge Roveda con una striscia di 8 punti e, infine, Colombo che sale in cattedra con un inaspettato e perfetto 5/5 nel pitturato.  E’ significativo, in una prestazione dei grigi che spesso ha lasciato spazio a discutibili interpretazioni, e questo è bene precisare per ambo le squadre, il computo di 4 falli totali a carico degli ospiti dopo 19′. Di primo acchito può apparire un dato negativo nei confronti dei padroni di casa, viziato da altri fattori (vedi arbitraggio), tuttavia la capolista riesce a catturare ben 10 carambole offensive nel primo tempo e, questo vantaggio, le permette indubbiamente di passare molti più secondi palla in mano rispetto ai gialloblu.

48 – La percentuale dalla linea della carità della capolista, frutto di un 10/21, al termine del tempo regolamentare. Dettagli come questo, in continui capovolgimenti di punteggio, risultano decisivi e lo sono ancor di più quando Roveda, subito un ingenuo fallo da parte di Ferri, fallisce un possibile gioco da tre punti a 7″ dalla fine.

7 -Di nuovo, ma non si possono non celebrare i punti realizzati da Eugenio Rota nel primo supplementare. La palla, in momenti come questi, si trasforma in un pallone medicinale, e il giovane play trevigiano (classe 99′ come Raffaelli), risponde con fermezza presente. Inizia con un glaciale 2/2 dalla lunetta, infila una cruciale tripla e per concludere batte 1vs1 Benzoni, ex di giornata, per il 90 pari. Se la Sangiorgese continua a credere nella vittoria è grazie al suo enorme temperamento.

16 – E’ il differenziale tra la valutazione finale della Elachem (105) e quella della LTC (89). E’ un indicatore che serve per comprendere che Vigevano, per quanto il match sia stato tirato e palpitante, ha avuto innumerevoli occasioni per chiuderlo, e altrettante volte, ha mancato il colpo del definitivo k.o. Esperienza, e il sostegno di un impareggiabile pubblico, hanno aiutato i ragazzi di coach Piazza a non farsi sfuggire di mano questa vittoria.

81 – Questa la percentuale da dentro l’area, sommando le rispettive conclusioni, elaborata dal duo ex Bernareggio Vecerina (6/8) – Petrosino (7/8). Questo trionfo può essere uno snodo rilevante per entrambi i nuovi acquisti. Il primo, oltre alle continue scorribande messe a segno, colpisce, quando battezzato dalla difesa ospite, con due pesantissime bombe e, inoltre, offre una concreta prestazione difensiva contro una talentuosa batteria di esterni; Il secondo, in soli 21′ di impiego, confeziona 16 punti, 5 rimbalzi e una sontuosa stoppata e dimostra di star acquisendo maggior intesa coi padroni della manovra ducale. La tanta agognata ricerca di canestri facili e di pericolosità interna passa anche, se non soprattutto, dalla loro crescita. Tutto questo in una serata nella quale Verri piazza una doppia doppia da 21+11 rm, condita da 4 assist e 7 falli subiti, per una valutazione totale di 30.

Elachem Vigevano 1955 97 – 95 LTC Sangiorgese Basket (26-18, 41-43, 60-61, 79-79, 90-90)

TABELLINO COMPLETO

Elachem Vigevano 1955: Verri 21, Ferri 6, Panzini 7, Minoli 10, Vecerina 18, Petrosino 16, De Gregori, Bassi, Birindelli 7, Benzoni 12. Coach: Piazza
Tiri Liberi: 20/29 – Rimbalzi: 45 (34+11) – Assist: 22

LTC Sangiorgese Basket: Bocconcelli 9, Roveda 15, Scali 14, Rota 15, Cozzoli 2, Plebani, Colombo 11, Di Ianni 7, Toso 1, Parlato 21. Coach: Quilici
Tiri Liberi: 14/26 – Rimbalzi: 48 (33+15) – Assist: 18

VIGEVANO NUMERI DELLA PARTITA SANGIORGESE
 21 – Verri PUNTI 21 – Parlato
11 – Verri RIMBALZI 11 – Scali
6 – Panzini ASSIST 6  – Rota
 30 – Verri VALUTAZIONE 18 – Rota
9 – Panzini PLUS/MINUS  20 – Colombo
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy