Serie B – Virtus Padova show, battuta anche San Vendemiano per il quarto sigillo consecutivo

di Federico Di Domenico

RUBANO L’Antenore Energia c’è ed infila la sua quarta vittoria consecutiva, la quinta nelle sette gare disputate e – in attesa dell’infrasettimanale con Senigallia – uno sguardo alla vetta la banda Rubini ora può cominciare a darlo. L’autorevole 71-61 ottenuto nello scontro diretto con la Rucker Sanve vale infatti ora un bellissimo e speriamo temporaneo secondo posto in solitaria: mercoledì infatti può arrivare l’aggancio alla vetta.

Il quintetto d’avvio scelto da coach Rubini vede in campo De Nicolao, Barbon, Bocconcelli e il duo Bianconi – Morgillo come lunghi. Partenza più convinta dell’Antenore Energia che mette la testa avanti poggiandosi su una grande solidità difensiva e sulle triple di Bocconcelli e De Nicolao. Ma la partita è contratta con tanti errori da entrambe le parte e col gioco che fatica a decollare. Il primo parziale si chiude 13-10 per Padova. A battezzare invece il secondo periodo è un bel gioco da tre di Ferrari che crea il primo margine sul +8. Ma Sanve è squadra ostica e rimane connessa approfittando degli sprechi avversari. Alla fine un canestro di De Nicolao sulla sirena vale il 31-27 con cui si va all’intervallo.

Al rientro dagli spogliatoi infatti cala la confidenza col canestro dei padroni di casa, con la Rucker che nel frattempo aggancia il pari sul 34-34 con la bomba di Visentin e poi infila anche il sorpasso con un’altra tripla di Gatto (36-37). Ma è qui che l’Antenore Energia cambia marcia: in cattedra sale Ferrari che prima mette la firma sul +4 e poi timbra anche il +9, con il terzo periodo che si chiude 51-44. La Virtus però ormai ha preso ritmo e fa sua la gara: Pellicano brucia la retina con la tripla del +10 dopo una grande azione corale mentre è Bianconi in contropiede a marchiare il 56-44. Anche Schiavon riesce ad infilare una tripla di grande bellezza ed importanza. Nel finale la reazione di Sanve viene assorbita dalla stoica difesa neroverde. Virtus gestisce con autorità arrivando a 5’ dalla fine ancora ancora avanti di 12 e mette la museruola  alla Rucker pure nei minuti finali: arriva così il 71-61 che fa partire un’altra festa. Migliori in campo con 13 punti Morgillo e Ferrari.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy