Supercoppa Serie B – Bernareggio è la prima finalista, niente da fare per Vicenza

Vaporart Bernareggio – Tramarossa Vicenza 74-69

di La Redazione

Vaporart Bernareggio – Tramarossa Vicenza 74-69 (16-13, 23-13, 18-32, 17-11)

Vaporart Bernareggio: Stefano Laudoni 19 (4/5, 3/5), Simone Aromando 12 (5/9, 0/1), Giacomo Baldini 12 (3/8, 2/5), Davide Todeschini 9 (0/3, 2/2), Baye modou Diouf 6 (2/6, 0/0), Kiryl Tsetserukou 6 (2/5, 0/1), Daniele Quartieri 5 (1/2, 1/6), Alioune Ka 3 (1/1, 0/0), Riccardo Ghedini 2 (1/1, 0/0), Gian paolo Almansi 0 (0/1, 0/2), Vladyslav Radchenko 0 (0/0, 0/1), Andrea Marra 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 12 / 20 – Rimbalzi: 46 15 + 31 (Simone Aromando 13) – Assist: 16 (Davide Todeschini 6)
Tramarossa Vicenza: Shaquille Hidalgo 21 (10/14, 0/2), Raphael Chiti 12 (0/4, 3/8), Marcello Piccoli 12 (3/5, 2/4), Stefano Cernivani 8 (3/5, 0/1), Alfonso Zampogna 7 (1/3, 1/3), Diego Corral 3 (0/1, 1/4), Nicola Bastone 3 (1/5, 0/3), Andrea Petracca 3 (0/0, 1/4), Luca Contrino 0 (0/0, 0/0), Matteo Visentin 0 (0/0, 0/0), Michael dee Owens 0 (0/0, 0/0), Pietro Sequani 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 13 – Rimbalzi: 25 5 + 20 (Diego Corral 9) – Assist: 13 (Shaquille Hidalgo, Raphael Chiti, Diego Corral 3)

 

Finisce in semifinale la corsa della Tramarossa Vicenza in Supercoppa Centenario: contro la Vaporart Bernareggio i brianzoli hanno la meglio per 74-69. I biancorossi pagano un primo tempo a basse percentuali, che ha obbligato i ragazzi di Ciocca ad una disperata rincorsa nel secondo tempo, al termine della quale la benzina è venuta un po’ a mancare. Decisiva la battaglia a rimbalzo vinta dai brianzoli (51-29), con tante seconde palle a favore della Vaporart che sono risultate decisive. Non bastano i 21 a referto di Hidalgo, trascinatore dei biancorossi nel momento della rimonta.

Ancora una grande prestazione di Shaquille Hidalgo, a segno con 21 punti contro Bernareggio

Alla splendida Arena Milwaukee Dinelli di Cento, recentemente ristrutturata, Ciocca sceglie Piccoli e Chiti in quintetto, dopo averli fatti cominciare dalla panchina contro Imola. Chiti ripaga la fiducia segnando da tre il primo canestro dell’incontro. I biancorossi trovano un +5 nelle prime battute, prima che Todeschini e Aromando diano il via alla partita di Bernareggio. I chili e i centimetri messi in campo dalla Vaporart si fanno sentire, ma in questa fase Vicenza lotta a rimbalzo e trova punti di pura grinta, come i due di Bastone che chiudono il primo quarto sul 16-13, propiziati da un tuffo di Petracca per salvare una palla che stava uscendo dal campo.

Nella seconda frazione Bernareggio scappa: Tsetseroukou e Baldini portano subito il distacco a 7 lunghezze nelle prime battute del secondo quarto, quando Vicenza costruisce buoni tiri ma sparacchia un po’ troppo. Petracca tenta di risollevare i biancorossi, ma Bernareggio arriva fino a 8 punti di distacco sui canestri di Diouf e di uno scatenato Baldini. Il successivo timeout di Ciocca non sortisce effetti e Bernareggio scappa: Laudoni e Aromando proseguono il parziale avviato prima del minuto tecnico chiesto dal tecnico vicentino e il distacco si fa consistente. Alla fine, un antisportivo a Petracca fa arrivare la striscia ad un pesantissimo 17-0, interrotto da Chiti. Vicenza nel finale di quarto riduce lo scarto e carica di qualche fallo i brianzoli, chiudendo sotto di 13 (39-26), ma con percentuali troppo basse (10/35 complessivo) per impensierire Bernareggio.

Coach Cesare Ciocca

La sfida sembra finita quando nel terzo quarto Bernareggio torna nuovamente a 18 punti di vantaggio con una tripla di Laudoni, pur con i biancorossi capaci di ritrovare il fondo della retina. Vicenza ha il merito di crederci e, trascinata da Hidalgo, trova una reazione reazione d’orgoglio importante: il dominicano si butta su ogni pallone e riporta in un amen i ragazzi di Ciocca a -10. PIccoli da tre sigla il -7, quindi ancora uno scatenato Shaq trova il -3. Addirittura, sull’ultimo possesso del terzo quarto, dopo che Piccoli ha stoppato Diouf, Cernivani da posizione centrale trova la tripla del clamoroso sorpasso, 57-58.

L’ultimo quarto inizia a botta e risposta: Laudoni riporta in vantaggio Bernareggio dopo un minuto, risponde poco dopo Zampogna, sullo scadere dei 24, poi ancora Laudoni schiaccia in contropiede. Le due squadre restano incollate fino a quando Bernareggio non trova il break decisivo con le triple di Quartieri e Laudoni per il +7, prima che Baldini e Aromando riportino il distacco addirittura in doppia cifra, mentre la Tramarossa sbaglia qualche tiro di troppo. Vicenza però, da vera squadra, non molla fino all’ultimo: Hidalgo mette altri quattro punti, quindi una magata di Cernivani vale il -5. Un 2/4 ai liberi di Chiti e Bastone riporta i biancorossi a -3 a 25 secondi dal termine. La Tramarossa difende duro per l’ennesimo possesso della sua partita, ma alla fine commette fallo su Todeschini. Il play brianzolo converte entrambi i liberi e chiude la sfida sul 74-69.

Finisce qui, ma dovendo fare un bilancio veloce di questa Supercoppa, la Tramarossa ha mostrato di essere squadra vera e di potersela giocare con tutti, anche con corazzate contro Imola e Bernareggio. E ora, dopo aver ricaricato le batterie, si torna in palestra, perché la settimana prossima torna il campionato!

 

 

Uff stampa Tramarossa Vicenza

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy