Supercoppa Serie B – Sirakov guida Bisceglie al successo contro Molfetta

ALPHA PHARMA BISCEGLIE-PAVIMARO MOLFETTA 77-63

di La Redazione

Debutto all’insegna del sorriso per l’Alpha Pharma Bisceglie, che ha piegato i cugini della Pavimaro Molfetta nel derby di Supercoppa in virtù di una prestazione convincente. Il giovane gruppo di coach Gigi Marinelli si è imposto sulle tavole del PalaDolmen nella sfida d’apertura del girone R della manifestazione che precede il campionato.

Un gran bell’approccio, quello di Edoardo Maresca e compagni, subito sul +11 (14-3) frutto del combinato disposto tra intensità difensiva e capacità di colpire in transizione anche col tiro pesante (4/5 da tre). Gli avversari hanno reagito accorciando fino al -2 (15-13) ma l’Alpha Pharma, determinatissima, ha ristabilito le distanze, incrementando il vantaggio a dodici lunghezze in chiusura di una prima frazione nella quale ha tirato col 62% dal campo.

Nerazzurri meno precisi nel secondo quarto, caratterizzato dal tentativo degli ospiti di ricucire il gap, riuscito solo parzialmente: lo staff biscegliese ha ruotato dieci giocatori nei primi venti minuti della sfida.

Il colpo di grazia al rientro dall’intervallo lungo: l’aggressività difensiva del collettivo nerazzurro ha fatto la differenza e quando l’Alpha Pharma si è distesa fino a guidare con ben venti punti di vantaggio (62-42) è parsa netta l’impressione che il match fosse in pugno di Georgi Sirakov (top scorer Lions com 18 punti) e soci. La Pavimaro, coi lunghi Bini e Visentin molto combattivi e piuttosto efficaci in fase offensiva, ha cercato di mitigare i contorni della sconfitta. Ultima frazione senza particolari sussulti e gioia per il primo canestro (dalla lunetta) segnato dal 2004 Alessandro Mastrodonato nei minuti conclusivi.

I 17 rimbalzi in attacco strappati costituiscono un bottino considerevole per l’Alpha Pharma, il cui impegno a protezione del proprio canestro è certificato dalle 17 palle perse dei contendenti, spesso causate dall’attenzione e dall’applicazione del team caro al presidente Nicola Papagni.

In archivio un esordio soddisfacente per il gruppo nerazzurro, con tre giocatori in doppia cifra, la doppia-doppia di un ottimo Matteo Santucci (15 punti, 10 rimbalzi e un’ottima difesa sull’ex Gambarota), un Seck pronto a prendere le misure per rivelarsi sempre più intimidatore sotto le plance, i solidi contributi di Caceres e Chiriatti, l’alternanza in cabina di regìa tra Vitale, Molteni e Galantino, il supporto di Quarto di Palo e Misino nei minuti in cui sono stati chiamati sul parquet. Domenica 18 ottobre il secondo appuntamento di Supercoppa nel domicilio del Talos Ruvo.

ALPHA PHARMA BISCEGLIE-PAVIMARO MOLFETTA 77-63
Alpha Pharma Bisceglie: Vitale 6, Sirakov 18, Santucci 15, Maresca 6, Seck 8, Caceres 11, Chiriatti 7, Molteni 5, Mastrodonato 1, Galantino, Misino,. Allenatore: Marinelli.

Pavimaro Molfetta: Dell’Uomo 9, De Ninno 6, Gambarota 2, Bini 19, Visentin 19, Calisi 5, Angelini 2, Tartaglia 1. Mezzina. N.e.: Totagiancaspro, Caniglia. Allenatore: Carolillo.

Arbitri: Pietro Rodia di Avellino e Marcello Manco di San Giorgio a Cremano (Napoli).

Parziali: 28-16; 44-36; 62-46.

Note: nessun uscito per cinque falli. Tiri da due: Alpha Pharma 19/39, Pavimaro 18/34. Tiri da tre: Alpha Pharma 9/31, Pavimaro 4/17. Tiri liberi: Alpha Pharma 12/18, Pavimaro 15/21. Rimbalzi: Alpha Pharma 43, Pavimaro 30. Assists: Alpha Pharma 12, Pavimaro 11.

Uff.Stampa Alma Pharma Bisceglie

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy