Supercoppa Serie B – Teramo fa suo anche il derby con Giulianova e vola in testa al girone N

La Rennova Tasp Teramo vince e convince ancora una volta e supera 72-55 i cugini di Giulianova. Prestazione superlativa di Giorgio Di Bonaventura che chiude con 24 punti, 12 rimbalzi e 11 falli subiti per un totale di 37 di valutazione. Decisivo il parziale di 30-16 del terzo periodo.

di Federico Di Domenico

Dopo la convincente vittoria nel match d’esordio contro Roseto, la Rennova TASP Teramo è chiamata a confermarsi in un altro derby infuocato, ancora una volta tra le mura amiche. Di fronte ai ragazzi di coach Stirpe stavolta c’è Giulianova, reduce da una pesante sconfitta sul campo della Virtus Civitanova nella prima giornata del girone N di supercoppa. La TASP parte con i favori del pronostico, e punta ad ottenere la seconda vittoria consecutiva per portarsi a quota 4 punti in classifica prima dell’ultimo match del girone sul campo di Civitanova. I padroni di casa devono fare i conti con le assenze pesanti di Rossi e Gatti, mentre gli ospiti si presentano a Teramo privi di  Agbogan.
La Rennova Teramo inizia il match con il quintetto formato da Francesco Faragalli, Serroni, Di Bonaventura, Esposito e Tiberti. La squadra allenata da coach Zanchi risponde con Epifani, Tognacci, Di Poce, Di Carmine e Thiam. Ritmi frenetici in avvio, che costano tante palle perse e tanti tiri sbagliati ad entrambe le formazioni. Il primo canestro arriva dopo due minuti ed è di Di Bonaventura. Il primo vantaggio ospite lo firma Di Poce, mettendo a segno la tripla che dopo 3 minuti di gioco vale il 4-5. Il primo quarto vola via veloce, con entrambe le squadre che tentano di correre in campo aperto e le difese che hanno la meglio sugli attacchi. Teramo prova a confezionare il primo mini allungo con la tripla di Tiberti che fissa il punteggio sull’11-7a 3 minuti dal termine del primo parziale. Gli ospiti non ci stanno e con uno 0-7 di parziale firmato Thiam-Epifani tornano avanti sull’11-14. Due tiri dalla linea della carità di Faragalli chiudono il primo quarto sul 13-14.
Il secondo periodo parte con un 5-0 di parziale per i padroni dicasa, che con Guilavogui e Serroni si riportano avanti 18-16. Dopo un avvio difficile gli ospiti aumentano l’intensità difensiva e collezionano una serie di palle recuperate che non permettono l’allungo dei padroni di casa. Entrambe le formazioni fanno fatica a trovare la via del canestro e dopo 5 minuti di gioco il tabellone recita 20-18. Appena superata la metà del secondo periodo Wiltshire colpisce dall’arco per il 23-18 che costringe al time-out coach Zanchi. In uscita dal minuto di sospensione è Di Bonaventura a colpire dalla lunga distanza per il 26-18, massimo vantaggio del match. Giulianova trova una pronta reazione e con la tripla di Tognacci si riporta sul 26-23, prima di chiudere il primo tempo sotto 28-26.
Il secondo tempo si apre con un importante parziale di Teramo, che grazie all’apporto dei suoi lunghi in entrambe le metà campo si porta sul 35-27 dopo appena tre minuti, che un minuto dopo diventa 38-29 con la tripla di Wiltshire. Nel corso del terzo periodo entrambe le squadre trovano confidenza con la via del canestro, soprattutto i padroni di casa che grazie ad uno scatenato Di Bonaventura fissano il punteggio sul 46-34 quando mancano 4 minuti al termine del terzo periodo. L’aggressività nella metà campo difensiva dei padroni di casa bagna le poveri a Giulianova, che fa una fatica immensa a costruire tiri puliti e a contenere le transizioni dei biancorossi e in un attimo si ritrova sotto 50-34. Di Poce segna dalla lunga distanza per il 50-37, ma Di Bonaventura è immarcabile (20 punti per lui nei primi 28 minuti di gara), e con un gioco da tre punti in contropiede ristabilisce la distanza di sicurezza sul 53-37. Una magia allo scadere, ancora una volta di Di Bonaventura, chiude il terzo periodo sul 58-41.
Il quarto periodo è un lungo garbage time. Giulianova prova in ogni modo a rientrare in partita, ma le seconde linee di Teramo (guidate dall’MVP Di Bonaventura) reggono l’urto e riescono con facilità ad amministrare il vantaggio, mantenendo sempre un margine rassicurante. Due triple consecutive di Cristiano Faragalli regalano ai padroni di casa i 20 punti di vantaggio a 3’30” dalla sirena finale, sul 70-50. Negli ultimi due minuti tra i padroni di casa spazio anche agli under Di Febo e Ragonici. Il match termina sul punteggio di 72-55.

 

Rennova Teramo a Spicchi 2K20 – Giulia Basket Giulianova 72-55 (13-14, 15-11, 30-16, 14-14)
Rennova Teramo a Spicchi 2K20: Giorgio Di bonaventura 24 (6/11, 3/7), Edoardo Tiberti 16 (4/9, 1/2), William luca Wiltshire 11 (1/4, 2/4), Cristiano Faragalli serroni 9 (0/0, 2/2), Antonio Serroni 4 (0/0, 1/3), Alessandro Esposito 3 (0/3, 1/5), Michel Guilavogui 3 (1/2, 0/0), Francesco Faragalli serroni 2 (0/3, 0/3), Nazzareno Massotti 0 (0/0, 0/1), Alessandro Di febo 0 (0/0, 0/0), Simone Gatti 0 (0/0, 0/0), Gianmarco Rossi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 18 / 28 – Rimbalzi: 37 4 + 33 (Giorgio Di bonaventura 12) – Assist: 13 (Francesco Faragalli serroni 5)
Giulia Basket Giulianova: Iba koite Thiam 20 (6/8, 1/1), Gabriel Dron 9 (2/5, 1/3), Andrea Epifani 8 (1/4, 2/2), Gianluca Di carmine 6 (2/6, 0/1), Giuseppe Di poce 6 (0/3, 2/7), Andrea Spera 4 (2/7, 0/0), Federico Tognacci 2 (1/8, 0/1), Maurizio Cantarini 0 (0/0, 0/0), Davide Galliè 0 (0/0, 0/0), Stefano Scarpone 0 (0/2, 0/0), Fabio Scarpone 0 (0/0, 0/0), Alessandro Paoli 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 14 – Rimbalzi: 33 3 + 30 (Gianluca Di carmine 11) – Assist: 6 (Gabriel DronAndrea Epifani 2)
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy