Unire le forze per andare lontano, vi raccontiamo LR basket una start up del panorama piemontese

0

Un’idea partita a tavola, ma nella patria dei vini doc e di Slow Food non poteva che nascere così, due società blasonate della pallacanestro locale l’Olimpo Basket Alba e l’ Abet Basket Team 71 decidono di fare fronte comune e mettersi assieme, una sinergia su un territorio di 90.000 abitanti per spingere in alto il basket locale.

Il battesimo di questa nuova realtà cestistica ha potuto inoltre fregiarsi di due testimonial d’eccezione Amedeo Della Valle, nato cestisticamente  ad Alba e Giancarlo Ferrero cresciuto nelle giovanili braidesi, entrambi in video hanno preso parte alla presentazione del progetto supportandolo.

Ce lo illustrano brevemente il presidente Tiziana Raspo ed Edoardo Bergui giovane GM emergente che coordinano questo nuovo sodalizio.

“Siamo partiti nel giugno dello scorso anno, c’erano già stati dei contatti tra le due società in precedenza più a livello  giovanile, per promuovere i giovani locali e valorizzare maggiormente la pallacanestro sul territorio. La situazione pandemica che ha generato molte difficoltà economico sociali non ha ovviamente risparmiato le società sportive ed ha accelerato questo processo. Il progetto mira a mettere insieme risorse economiche e professionali per dare maggior impulso al movimento cestitico della zona.In tempi rapidissimi abbiamo costituito la nuova società, mettendo da parte le rivalità storiche di sempre tra due piazze comunque molto seguite a livello locale con tanta storia alle spalle (Alba e Bra appunto). Quando metti insieme quello che funziona meglio da una parte e dall’altra sei sicuro di poter contare su una struttura solida e un bacino più ampio.”

Come è nato il nome della squadra?

“Langhe e Roero è un vero e proprio brand che sintetizza molto bene il nostro sodalizio, Alba infatti è la città più importante delle Langhe e Bra altrettanto del Roero, due territori che godono sempre più di fama internazionale anche dal punto di vista turistico. Per la realizzazione del logo abbiamo fatto riferimento ai nuovi canoni, molto più semplici, le due lettere principali indicate che catturano l’attenzione, l’idea di base è quella di dare un messaggio forte ed un elemento di novità.”

La scelta del campo da gioco è stata fatta anche in quest’ottica?

“Il palazzetto di Corneliano d’Alba è in effetti baricentrico rispetto alle due città, è una struttura però che l’Olimpo Basket utilizzava già da qualche anno, il Pala Langhe, casa storica della società albese infatti non era omologabile in base alle nuove direttive per la serie C1, il salto di categoria impose la ricerca di una nuova struttura. Grazie ad un accordo con il comune di Corneliano abbiamo ottenuto la gestione di questo impianto che è stato ammodernato, (ad esempio il parquet scelto che è lo stesso utilizzato a Bormio e molti altri interventi). Ad oggi la struttura è totalmente in nostra gestione, disponibile quindi anche per tutto il settore giovanile, in più è in una posizione molto strategica facilmente raggiungibile sia da Bra sia da Alba in poco tempo.”

Quali sono le squadre seniores che fanno parte di questo progetto?

“Oltre alla prima squadra che milita in serie B, abbiamo una seconda società satellite in Serie C Silver che gioca al Palazzetto di Bra. I giocatori sono tutti tesserati Langhe e Roero Basket e provengono da entrambe le realtà.Abbiamo numerose formazioni giovanili, alcune militano in campionati Elite (ad esempio l’under 17 Gold, e l’under 15 composte da un mix di giocatori provenienti dalle due realtà) e tutte le giovanili femminile che giocano le gare di campionato a La Morra. Il basket femminile in realtà ha fatto da apripista al progetto in quanto è stato il primo a inaugurare a livello giovanile questo sodalizio, già qualche anno fa. Contiamo di allestire presto anche una squadra seniores femminile.”

Quali sono gli obiettivi della prima squadra?

“Siamo partiti con la convinzione di aver allestito un rooster di primo livello in grado di poter mettere in difficoltà molte altre squadre, l’ossatura della squadra è costituita da 5 giocatori senior, attorno ai quali ruotano numerosi giovani interessanti (classi 2000- 2001)

Abbiamo patito un paio di infortuni gravi ad inizio stagione che non hanno compromesso la nostra partenza.  

L’obiettivo resta quello di alzare l’asticella a tutti i livelli. Puntiamo a qualificarci ai play off di Serie B, attualmente occupiamo la quinta piazza, viviamo un momento storico un po’ particolare causa covid privati del capo allenatore e con il reparto lunghi un po’ in emergenza, affronteremo Legnano con il coltello fra i denti.

Anche la seconda squadra (Serie C Silver) sta conducendo un campionato di vertice, attualmente ha subito solo una sconfitta.”

A livello tecnico come vi siete strutturati?

“Contiamo ultimamente anche sull’apporto di Alessio Gaudio che ha arricchito il nostro staff portando in dote la sua esperienza da Tortona, mentre Jacomuzzi ricopre anche il ruolo di coordinatore di tutto il settore giovanile insieme a Michele Siragusa proveniente dall’ex Auxilium Torino. Anche a livello giovanile cerchiamo di affidarci a figure importanti per i ragazzi.”

Si chiude qui la nostra breve chiaccherata, l’impressione è che Langhe e Roero Basket sia una realtà davvero innovativa interessante e dinamica nel panorama del basket piemontese, da tenere d’occhio.  

Tiziana Raspo presidente LR Basket
Foto a cura di Aldo Antonietti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here