EUROBASKET 2^ fase gir. F: clamorosa rimonta, le “furie” sono azzurre e la Spagna è KO

0

ITALIA 86-81 SPAGNA (24-12; 37-37; 45-56; 70-70).
Italia: Gentile 25, Aradori 17, Belinelli 16, Datome 9, Vitali 3, Rosselli, Cinciarini 8, Magro NE, Melli 2, Poeta, Cusin 4, Diener.
Spagna: Gasol 32, Aguilar NE, Fernandez 4, Rodriguez 18, Rey 2, Rubio 2, Calderon 5, Gabriel NE, Mumbru 5, Llull 5, Claver 5, San Emeterio 4.

L’Italia batte la Spagna col punteggio di 86-81, chiudendo con una vittoria la seconda fase. Ai quarti di finale affronteremo la Lituania. Incredibile partita, tra break e contro-break: se inizialmente le ostilità sembrassero un dominio azzurro, non si fa attendere la rimonta spagnola guidata dal solito Gasol. L’Italia però mette a referto una clamorosa rimonta che porta i ragazzi di Pianigiani prima alla vittoria e poi ai supplementari. MVP del match Alessandro Gentile, che chiude con 25 punti e 7 rimbalzi. Menzioni d’onore per Gigi Datome, autore del canestro che è valso l’overtime, e Marc Gasol. Per il centro dei Grizzlies alla fine 32 punti e 10 rimbalzi.

La partita: l’Italia parte con Cinciarini, Belinelli, Aradori, Datome e Cusin. La Spagna risponde con Rubio, Calderon, Fernandez, Claver e Gasol. Straordinario inizio per gli “Azzurri”, che fanno a dir poco spettacolo: due bombe di Belinelli, tre stoppate di Cusin che cancella nell’ordine Rubio, Calderon e Fernandez. Datome mette la ciliegina sulla torta e costringe Ortenga al timeout sul 13-5. I ragazzi di Pianigiani riescono addirittura a volare oltre la doppia cifra grazie ai primi punti di Aradori e Cinciarini: 19-17 al  9’. Arriva anche un tecnico al nervoso Calderon che permette all’Italia di chiudere il primo periodo sul 24-12. La Spagna però mette i big in panchina e tale mossa risulta decisiva: il duo Mumbru-Rodriguez realizza 10 punti in pochi minuti e il break di 12-0 delle furie rosse è servito. Parità dunque, quando sale in cattedra Alessandro Gentile: ci pensa lui a ridimensionare gli iberici, che non riescono a tenerlo e impedirgli di realizzare ben 9 punti nel solo secondo periodo. All’intervallo però il punteggio è ancora fermo sul 37 pari.

Il terzo quarto è il peggiore per l’Italia: nonostante un buon inizio di Datome, a metà periodo si scatena Marc Gasol che risulta letteralmente immarcabile spalle a canestro. Tiri in fadeaway, ganci e assist del centro dei Grizzlies portano le “Furie Rosse” fino al +13. Quando ormai il match sembra aver preso il binario sbagliato, l’Italia insorge e piazza un clamoroso break di 11-0 guidato da Gentile e Aradori. La Spagna non segna più e l’Italia ha il possesso del pareggio, nonostante un clamoroso errore del duo Belinelli-Melli. Datome non si fa pregare e batte dal palleggio Fernandez, andando ad appoggiare alla tabella il canestro dell’overtime.

La partenza nel supplementare è tutta azzurra: Gentile e Aradori continuano a risultare due rebus per la difesa dei ragazzi di Ortenga. L’ala di Milano segna per il massimo vantaggio dell’overtime sul +8, ma non basta per mettere la parola fine sul match: Gasol è onnipotente, Llull si accende e le “Furie Rosse” tornano a -3. A questo punto è il momento della routine dei liberi, vinta dagli Azzurri grazie ad un freddissimo Gentile che fa 6/6. È gloria, abbattuti i campioni d’Europa 86-81.