Eurobasket 2017 – Germania, l’obiettivo è centrare quella fase finale che manca dal 2007

Eurobasket 2017 – Germania, l’obiettivo è centrare quella fase finale che manca dal 2007

Con Nowitzki che ha lasciato il testimone a Schröder, i tedeschi hanno l’obbligo di cercare la qualificazione alla fase finale che manca dal 2007.

di Vito Girolamo

E’ una Germania alquanto rinnovata quella che arriva ad Eurobasket 2017. Per la prima volta, infatti, i tedeschi dovranno fare a meno in una competizione ufficiale di un leader tecnico e carismatico del calibro di Dirk Nowitzki, lasciando dunque la leadership in mano a Denis Schröder. Il play di Atlanta sarà difatti il riferimento assoluto per il team tedesco, soprattutto in fase offensiva, nella quale oltre alle sue capacità individuali che non si discutono, dovrà dimostrare una crescita anche dal punto di viste del gioco di squadra.

Dopo la cocente eliminazione di due anni fa’ tra le mura amiche, proprio per mano dell’Italia, e con lo step back di Danilo Gallinari che tutti ancora abbiamo negli occhi, i tedeschi di coach Fleming proveranno a raggiungere una seconda fase che manca dal 2007. La preparazione è stata altalenante, con uno score di 3 vittorie e 5 sconfitte, in cui i tedeschi però si sono sempre arresi con i team di maggiore spessore. Inserita nel girone B, quello degli azzurri, la squadra di coach Fleming cercherà di giocarsela con tutti.

ROSTER:

rost germ

 

CALENDARIO:

31 agosto, ore 14:45: Germania – Ucraina.

2 settembre, ore 14:45: Germania – Georgia.

3 settembre, ore 20:30: Germania – Israele.

5 settembre, ore 17:30: Germania – Italia.

6 settembre, ore 13:45: Germania – Lituania.

PREGI:

I ritmi di gioco alti, fortemente voluti da coach Fleming e che già abbiamo assaporato nella scorsa edizione di Eurobasket, sono sicuramente il maggior punto di forza della squadra tedesca. Il quintetto è di tutto rispetto, nel quale spiccano i nomi del solito Schroeder, che come già detto dovrà caricarsi sulle spalle le redini della squadra, e del centro Voigtmann (Baskonia). Squadra che potenzialmente può essere devastante dall’arco dei 6.75 m, con Staiger su di tutti, anche se nella preparazione le percentuali non sono state tanto soddisfacenti.

DIFETTI:

La difesa è sicuramente il problema più importante per la selezione tedesca, sul quale certamente coach Fleming avrà cercato di lavorare in estate, cercando di farla crescere d’intensità. Anche la mancanza di centimetri sotto canestro è un evidente limite a cui difficilmente si potrà sopperire , senza dimenticare la panchina fin troppo corta.

PRONOSTICO BASKETINSIDE.COM:

L’ obiettivo è quello di centrare la fase finale che manca da dieci anni. Il girone non è dei più complessi, con Lituania e Italia favorite su tutte, mentre tra le restanti squadre l’equilibrio regna sovrano. Ma a nostro parere la Germania riuscirà a sfatare il proprio tabù.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy