FIBA World Cup: l’Italbasket non sbaglia questa volta e vola al secondo turno. L’Italia batte le Filippine segnando 90 punti

0
Simone Fontecchio
FIBA

Italia e Filippine chiudono il girone A della FIBA World Cup che vede già vincente la Repubblica Dominicana di Karl Anthony-Towns. Italbasket che deve vincere per poter accedere senza tanti patemi al secondo gruppo di questa competizione.

QUINTETTO FILIPPINE: Clarkson, Edu, Ramos, Pogoy, Sotto.

QUINTETTO ITALIA: Spissu, Tonut, Fontecchio, Polonara, Melli.

Inizio di gara che vede gli attacchi prevalere sulle difese, decisamente ballerine in questi prim minuti. Simone Fontecchio prova ad entrare subito in partita, giocando in modo aggressivo con l’intenzione di buttare alle spalle le prime due partita. L’ala dei Jazz non riesce a trovare la via del canestro con costanza, cosa che riesce alla squadra di casa. Le Filippine spingono sul pedale dell’acceleratore con l’intenzione di tirare nei primi secondi dell’azione, fatto spesso è fatto con successo dalla squadra in casa in particolare con ottime percentuali al tiro da 3 punti (5 su 9). Il jumper di Fajardo sulla sirena vale il +3 per le Filippine, sospinte dalla bolgia del tifo di casa, molto rumoroso.

Gigi Datome dalla panchina e una maggiore concentrazione, sono la chiave dell’ottimo inizio di secondo quarto degli azzurri che si riportano avanti nel punteggio. Le Filippine si aggrappano al talento della loro stella Jordan Clarkson che tocca la doppia cifra ma forza parecchio, come fatto nei primi due incontri della FIBA World Cup. La seconda parte del quarto è targata Italia. Gli uomini di Pozzecco hanno in Fontecchio l’uomo in più ma anche dalle ottime percentuali dal tiro dalla lunga distanza la chiave dell’allungo. Rotazioni più corte per Pozzecco ma anche buoni risultati per l’Italbasket che va all’intervallo sul +9.

Il terzo quarto vede gli azzurri entrare in campo concentrati, consapevoli che è importante non far rientrare le Filippine e il suo rumoroso pubblico. Buona la prestazione di Tonut, importante nel supporto ad un Simone Fontecchio che si è “calmato” dopo un super secondo quarto. Fondamentale è il lavoro sotto canestro di Melli e le triple del duo Spissu – Pajola, quest’ultimo scatenato nel finale di quarto oltre al solito importante lavoro difensivo su Jordan Clarkson. Controllo Italia a 10 minuti dal termine.

L’Italia apre l’ultimo quarto bene ma a volte si “rilassa” un pò troppo e per questo Coach Pozzecco ferma il gioco ricordando che non va diminuita la concentrazione per l’intera partita. Importanti anche i tiri presi e segnati da Pippo Ricci, fondamentale sugli scarichi in questa partita e non solo. Jordan Clarkson è l’ultimo a mollare, bravo anche a “riempire” il suo personale boxscore nel finale ma anche bravo a dare la carica in un finale in cui i padroni di casa tentano la folle rimonta. Gli azzurri sono però bravi a gestire in un finale che non riserva sorprese e che vede l’Italbasket avanzare al turno successivo della FIBA World Cup.

FILIPPINE – ITALIA 83-90 (23-20, 16-28, 21-25, 23-17)

MVP BasketInside: Nicolò Melli

FILIPPINE: Edu 8, Pogoy 9, Fajardo 4, Malonzo 7, Sotto 2, Thompson, Clarkson 23, Ravena 8, Ramos 14, Aguilar, Perez, Abando 8.

ITALIA: Datome 5, Procida, Pajola 11, Diuof, Polonara 6, Spagnolo, Ricci 14, Fontecchio 18, Melli 10, Tonut 13, Spissu 13, Severini.