FIBA al lavoro con start-up per portare innovazione nel basket

FIBA al lavoro con start-up per portare innovazione nel basket

FIBA sta perseguendo l’opportunità di “allargare la FIBA Family”, uno dei suoi pilastri strategici, aiutando alcune start-up promettenti a portare innovazione nel mondo della pallacanestro.

di La Redazione

FIBA sta perseguendo l’opportunità di “allargare la FIBA Family”, uno dei suoi pilastri strategici, aiutando alcune start-up promettenti a portare innovazione nel mondo della pallacanestro.
FIBA ha preso parte al programma Global Virtual Accelerator (GVA), organizzato da HYPE Sport Innovation. Questo programma è iniziato a maggio di quest’anno, durante un periodo particolarmente difficile. Il culmine di GVA è arrivato martedì 8 settembre, con una cerimonia di chiusura chiamata “Demo Day”.

Club sportivi e leghe hanno partecipato al programma, con una lunga lista di partner che include i Miami Dolphins, il Paris Saint Germain, il River Plate, Tennis Australia, i Toronto Blue Jays e molti altri ancora.
L’obiettivo del GVA è quello di mettere insieme start-up innovative ed istituzioni come FIBA.

Più di 1.000 start-up hanno applicato per essere parte di questo programma: a giugno scorso, 25 di queste hanno partecipato ad un Boot Camp, in cui hanno presentato business case e tecnologie da implementare.
FIBA ha messo in short-list sette realtà con cui collaborare durante l’estate, al fine di annunciare quali avranno l’opportunità di lanciare il proprio progetto pilota insieme a FIBA.

La decisione su quale sarà la start-up che collaborerà con FIBA sarà annunciata nei prossimi giorni.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy