Novak, FIBA Europe: “Dobbiamo proteggere le leghe nazionali”

Novak, FIBA Europe: “Dobbiamo proteggere le leghe nazionali”

Le parole dell’Executive Director di FIBA Europe sul tema del calendario delle competizioni europee.

di La Redazione

Con le finestre per le Nazionali che si avvicinano, si intensifica il dibattito sul calendario delle competizioni in Europa. In un articolo pubblicato ieri su fr.de, Kamil Novak, Executive Director di FIBA Europe, e Stefan Holz, Commissioner della Bundesliga, hanno espresso la loro posizione sulla situazione del calendario europeo.

Nazionali come la Germania non possono giocare con i loro migliori giocatori (Dennis Schröder, Daniel Theis. Maximilian Kleber, Johannes Voigtmann, Danilo Barthel e Niels Giffey), perchè EuroLeague ed NBA non li lasciano partecipare alle finestre.

Kamil Novak ha però sottolineato: “La NBA è un discorso a parte – loro sono letteralmente in una lega a sé stante. Sono un business da 9 miliardi mentre EuroLeague (40 milioni) e FIBA (100 milioni) arrivano a 140 milioni combinati. Per questo non possiamo convincere la NBA a cambiare atteggiamento. Il problema con EuroLeague però è diverso, e per questo problema ora abbiamo quattro competizioni europee per club.”

Le leghe nazionali europee rappresentate da ULEB, che recentemente si sono unite a FIBA Europe a livello legale per il complaint alla Commissione Europea, vedono la minaccia anche di possibili partite nel weekend.
Stefan Holz ha dichiarato: “I weekend sono una linea rossa.”
Jordi Bertomeu, nella sua intervista a BIG, ha voluto sottolineare che EuroLeague “non rappresenta una minaccia per le leghe”, e che “non ci saranno ulteriori cambiamenti nel format”, ma Holz è comunque preoccupato: “Migliore sarà questa lega, più si allontanerà dalle leghe nazionali. E più sarà difficile per le squadre giocare in questo campionato e avere valore per il campionato”.

Già in campionati come Israele e Grecia le partite di campionato attirano pochi fans, mentre quelle di EuroLeague sono piene. In Spagna, Italia e Francia c’è più equilibrio. Ma resta che i club di medio livello non possono competere con quelli che partecipano ad EuroLeague da un punto di vista di budget, e molti di questi sono salvati a livello economico dai club di calcio che finanziano le loro perdite.

Novak continua su questo punto: “L’importante è difendere le leghe nazionali, dobbiamo trovare il modo di farlo. L’intervista su BIG di Bertomeu è un buon segnale, dimostra una volontà di sedersi e parlarne”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy