NBA All Star Weekend: vittoria del Team World, Bogdanovic MVP

di Simone Angeletti, @daddycombs95

Team World vs Team USA 155-124

8 – il numero dietro la schiena dell’MVP. Bogdan Bogdanovic ha messo a tabellino 26 punti, 4 rimbalzi, 6 assist, ben 7 triple realizzate (almeno 3 da 10 metri di distanza) Forse ha dato giusto un po’ troppo l’impressione di averla presa molto sul serio questa partita.

45 – gli assist messi in banca dal Team World. Quasi un terzo del solo Ben Simmons (13), arrivato a solo 4 rimbalzi da una tripla doppia. Sentite John Collins su di lui: “I mean, he’s a 6-foot-10 walking triple-double.”

27 – le triple tirate dai due dei Kings. Oltre a Bogdanovic, anche Buddy Hield si fa segnalare per 14 triple tentate (5 a bersaglio). Dall’altra parte della barricata, De’Aaron Fox è stato piuttosto tranquillo, con soli 2 tentativi e nessuna realizzazione.

9 –  i minuti giocati da Joel Embiid, che rivedremo anche domani nell’All-Star game vero e proprio. 5 punti e 2 rimbalzi il suo boxscore finale. Un highlight se lo è preso anche lui, finta la tripla, elegantissimo spin e schiacciata a chiudere.

21 –  Jamal Murray non ha bissato l’MVP dell’anno scorso ma il canadese si è fatto sentire. 8/14 dal campo, 7 assist e 6 rimbalzi sono una solidissima prestazione anche per una partita d’esibizione.

 

35 –  Jaylen Brown era on fire, peccato nessuno gli sia andato in scia. 14/21 dal campo, 10 rimbalzi ed uno Slam Dunk Contest improvvisato assieme a Donovan Mitchell e Dennis Smith. Abbiamo visto between the legs, alzate dal tabellone, una buona quantità di alley-oop. Anche Kuzma si è divertito un bel po’.

16 – le steals messe a referto. Mitchell e Kris Dunn in versione “piovra”, gli altri (ad eccezione di Kuzma e Smith) hanno contribuito.

20 John Collins è quasi allergico allo “spirito” degli All-Star Game, il che potrebbe tranquillamente essere vista come una caratteristica positiva. Forse l’unico assieme a Ntilikina a metterein campo una difesa quantomeno credibile, finisce anche con 3 falli fischiati. Produzione offensiva 11 punti, 5-8 dal campo e 40 minuti di partita prima di vederlo chiudere un alley-oop.

11 –  i punti messi in banca da Kyle Kuzma nei primi due minuti dell’ultimo quarto. E comunque quelli dall’altra parte ne hanno fatti 12…

4 – il “cucchiaio di legno” de De’Aaron Fox per aver messo meno punti a referto di tutti.

Giochino interessante a cui si sono sottoposti i ragazzi: qual è la “super skill” di un All-Star che vorresti avere?

Il tiro di Curry il più menzionato (citata anche dall’assente Lonzo Ball), molto quotato il mindset di LeBron James (c’è chi ne fa una questione di court vision come Kuzma e Collins, Prince invece parla proprio di mentalità ed intelligenza cestistica). I due Celtics puntano sull’handling di Kyrie, Brown in particolare. Tatum vorrebbe una tra il tiro di Curry ed appunto l’handling di Kyrie. Ingram invece cita l’energia di Westbrook. In generale, sono risposte che sembrano banali ma in realtà fanno emergere una non indifferente comprensione di sè stessi e dei propri focus su cui allenarsi. Vedremo se ci riusciranno.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy