Ben Simmons, parla l’agente: “Le multe non fanno bene alla salute mentale del mio assistito”

0
da New York Post

La telenovela Ben Simmons non terminerà fino a quando il giocatore australiano non troverà una nuova squadra pronta a scommettere su di lui. Intanto, però, interviene anche il suo agente Rich Paul, CEO di Klutch Sports cioè l’agenzia di giocatori più importante di tutta la NBA: “Le multe e tutta la pubblicità negativa sono cose che hanno inciso sui problemi di salute mentale di Ben. O lo aiuti, o dici che sta mentendo. Quale delle due?”

Poi ammette le difficoltà del suo assistito, che ha ancora quattro anni interamente garantiti a quasi 150 milioni di dollari: «Ben ha un problema mentale, dobbiamo sostenerlo. Sono felice che sia arrivato a un punto in cui ha capito e quindi accettato l’aiuto. Capisco che la NBA sia un business, ma anche negli affari hai bisogno di umanità».

La dirigenza dei Sixers non ha nessuna intenzione di svendere il giocatore, quindi continua a chiedere una stella e almeno 3 prime scelte in cambio, richiesta troppo esosa per ogni franchigia. Vediamo se avvicinandoci alla trade deadline di febbraio Philadelphia sarà pronta ad abbassare le pretese.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here