Chris Bosh non si arrende: “Potrei tornare in campo già quest’anno”

L’ex Miami continua ad allenarsi e cerca di capire se il suo stato di salute è compatibile con il basket professionistico.

di La Redazione

Le sue due ultime stagioni, la 2014-15 e la 2015-16, sono state entrambe interrotte a causa dei ben noti problemi di salute (coaguli di sangue gli si sono formati nei polmoni), ma Chris Bosh non si è dato per vinto e ancora punta a ricalcare i parquet NBA: “Vado in palestra, gioco ancora a basket. – ha dichiarato al programma “First Take” di ESPN – Non sono ancora pronto, ma sto cercando di tornare in campo. Vedo tutti questi tizi che la sparano da tre e non difendono, cavoli, ci posso stare pure io.”

E riguardo ai possibili rischi di un suo ritorno allo sport professionistico: “La prima volta che mi hanno fermato è stata davvero seria e sono fortunato a essere ancora qui, ma la seconda volta mi hanno solo detto che non avrei potuto giocare il giorno dopo. La medicina è  un’area grigia, qualcuno dice di sì e qualcuno di no. Di solito si segue quello che dice la maggioranza. Non voglio mettermi in una situazione in cui rischierei la vita, potete stare tranquilli.”

Bosh ha anche nominato Golden State Warriors, Houston Rockets e Toronto Raptors (le 3 squadre con i record migliori al momento) come sue possibili destinazioni, senza chiudere le porte ai Cleveland Cavs in caso di un’offerta migliore.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy