Draymond Green: “Con Durant ho sbagliato io”

Draymond Green: “Con Durant ho sbagliato io”

Draymond Green si è confessato ai microfoni di Wojnarowski, riguardo alla litigata dell’anno scorso con KD.

di La Redazione

Nel novembre scorso, Draymond Green è stato multato e sospeso dai Golden State Warriors per una lite avuta con Kevin Durant.
Oggi è tornato sull’episodio durante un’intervista con Adrian Wojnarowski: “Ho cominciato a pensare: ‘Cavolo, Myers mi sta voltando le spalle’, e mi sono venuti dubbi sul fatto che non fosse più la persona che ho conosciuto per tutti questi anni. Mi sono detto tra me e me tutte queste cose, e poi tutti hanno cominciato a dire: ‘I Golden State Warriors hanno preso le parti di Kevin Durant!’
Dovevo accettare l’idea di avere torto. E quando sono riuscito a mettere da parte la mia testardaggine e ad accettare il fatto di avere sbagliato, sono riuscito ad andare avanti.”

“La cosa che mi ha disturbato di più è stata perdere la fiducia di Durant. Come avrei potuto riconquistarla? E non per vincere il campionato, o qualche partita in più; io volevo davvero bene a quel ragazzo, come fosse mio fratello. E quindi non sapere cosa ne sarebbe stato del nostro rapporto, mi disturbava ancora di più.
Myers e Kerr mi hanno detto che mi sarei dovuto scusare con Kevin, prima della sospensione. Ma io ho risposto che non gli avrei chiesto scusa perché me lo dicevano loro, infatti non l’ho fatto. Gli ho chiesto scusa solamente dopo aver capito dove avevo sbagliato. Vedevo uno strano sguardo sulla faccia di quel mio fratello, sapevo che stesse male ma non come risolvere la cosa.”

E chiudendo con una battuta, riferendosi direttamente a Bob Myers, GM dei Warriors: “Se gioco da schifo, dimmelo. Se sono grasso, e tutti sappiamo che l’anno scorso lo ero, dimmelo. Bob me l’ha sempre detto, in una maniera molto gentile.”

Oggi Kevin Durant è un giocatore dei Brooklyn Nets, ma lui e Draymond Green sono riusciti comunque a rimanere in buoni rapporti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy