Drummond eserciterà la player option con i Cavaliers

Qualche mese fa aveva detto che avrebbe voluto sondare il mercato, ma ora ha cambiato squadra e vuole rimanerci.

di La Redazione

Qualche mese fa Andre Drummond aveva detto che avrebbe voluto sondare il mercato, ma ora ha cambiato squadra e vuole rimanerci.

I Pistons l’hanno “regalato” ai Cavaliers per non rischiare di perderlo in estate e, dopo un duro sfogo su Twitter, il centro classe ’93 non vede l’ora di esercitare la player option da quasi 29 milioni presente nel suo contratto per la prossima stagione.

Con i Pistons, Drummond stava tenendo medie di 17.8 punti, 15.8 rimbalzi, 2.8 assist, 2 rubate e 1.7 stoppate.

Intanto Cleveland ha annunciato di aver firmato Alfonzo McKinnie con un quadriennale da 7.2 milioni, cioè poco più del minimo salariale. Di sicuro le stagioni non sono interamente garantite.

L’ex squadra di McKinnie, i Golden State Warriors, per riempire i posti a roster liberati con le varie trade, hanno firmato Marquese Chriss con un biennale e Ky Bowman con un quadriennale (entrambi non interamente garantiti), più Juan Toscano-Anderson fino al termine della stagione (promosso dai “cugini” della G League a Santa Cruz) ed infine l’ex scelta dei Lakers, Zach Norvell, con un contratto da 10 giorni rinnovabile un’altra volta (poi si deciderà se confermarlo con un contratto definitivo o rilasciarlo). Per 10 giorni anche Jeremy Pargo, guardia vista in Europa con Reyer e Maccabi e finita lo scorso anno nella lega Big3: anche lui attualmente era a Santa Cruz in G League.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy