Focus dopo il primo mese di regular season

0

Fonte web partner: www.ciuff.it Il primo mese della Nba è andato via con tante conferme, piccole sorprese e, soprattutto, flop clamorosi. Le certezze sono sempre le solite, e si chiamano San Antonio Spurs e Miami Heat. Le loro contenders sono ovviamente gli Indiana Pacers e gli Oklahoma City Thunder. La differenza sostanziale è che ad est, in questo momento, la finale di conference è praticamente giá scritta, senza alcuna alternativa, e i posti playoff non sembrano garantiti per nessuno. I Bulls erano in procinto di tornare quelli di due anni, per ricominciare da dove avevano lasciato quando Rose si distrusse il ginocchio. Ma mentre lo scorso anno viaggiava sulla speranza di riaverlo, quest’anno potrebbe pagare la delusione dell’ennesimo infortunio. Comunque, restano una squadra da playoff, senza però alcuna ambizione di far strada. Ai playoff arriveranno gli Haws, anch’essi senza ambizioni, comunque quadrati e plausibilmente in grado di centrare la post season. Dietro incertezza assoluta, con squadre che in un attimo potrebbero rivelarsi competitive o fallire miseramente, del resto ad est basta poco per esplodere ed altrettanto per implodere su se stessi. Così i Sixers, i Raptors, i Pistons potrebbero scalare le gerarchie, magari anche in seguito a qualche trade, allo stesso modo non si capiscono Knicks, Nets e Cavaliers. Per le newyorkesi discorso a parte, i Cavaliers invece erano giovani e in rampa di lancio e si sono dissolti dietro all’inesperienza di Bennett e alla fine di Bynum, con la coppia Irving-Waiters incapace di tirare la carretta per tutti gli altri. image Veniamo ai Nets, devono amalgamarsi, se torna Deron williams e trovano un minimo di chimica allora ad est tutto è possibile fino alla semifinale di conference, poi lì vedi Heat e speri che Pierce e Garnett siano tori che vedano rosso e non i fantasmi visti finora. Kidd ha tanto lavoro, recuperando Williams, Kirilenko e allenandosi insieme ancora non è troppo tardi. Eventualmente potrebbe mettersi i pantaloncini che forse da playmaker farebbe comodo ai suoi ragazzi, per dare un pò d’ ordine. Veniamo ai Knicks, per loro capitolo a parte, se perseguono in questa direzione nulla vieta di andare al tanking e puntare a Jabari o Andrew al prossimo draft. Sono nel marasma più totale e fa ridere pensare che il migliore, ad oggi, sia Andrea Bargnani. Necessitano di una totale epurazione perchè così, pure se alla fine arrivassero i playoff, non si va da nessuna parte. Veniamo ad ovest, con gli Spurs che si divertano, giocano in tranquillitá e scioltezza, e vincono comunque. Dietro di loro i Thunder, con i Blazers per adesso al vertice ma, nel complesso, una spanna inferiori, anche se da qui a giugno potrebbero consolidarsi ancor di più. Le alternative sono Warriors e Clippers, tanta roba entrambe, però sempre un pò sotto le altre due, con i Warriors che potrebbero fare il salto di qualitá, profondi e competitivi, mentre i Clippers pagano i due lunghi, atleti pazzeschi, illegali in contropiede e transizione, inabili a metá campo, dove si gioca solo se crea Paul, anche se Jj una mano la sta dando aprendo il campo con il suo tiro. Oltre queste, c’è sempre il fattore Rockets, giá competitivi, che oltretutto potrebbero scambiare Asik per premdere un Rajon Rondo che ti cambia la stagione, rendendoti in un attimo squadra da titolo! Pagina ufficiale facebook di Danilo Gallinari - facebook.com/danilogallinari Il bello ad ovest è che dietro alle contenders, c’è una cerchia di squadre di altissimo livello, e dispiace pensare che ade st sarebbe tutte facilmente ai playoff mentre ad ovest soltanto in tre potranno approdarvi. Parliamo di Mavs, Wolves, Lakers, Nuggets, Suns, tutte pronte a fare il salto di qualitá, con i nuggets che attendono Gallinari e sorprendentemente viaggiano gia così oltre il 50%, e con il Gallo potrebbero ambire anche ai playoff. Stesso dicasi per i lakers, che con Bryant diventano ancora più competitivi. Il tutto in un contesto in cui eventuali trade potrebbero cambiare tutto. Un solo mese, tanto spettacolo, tanto basket, NBA! Enjoy!