Il titolo va a Los Angeles! Lakers campioni NBA 2019-20

Con un’ultima, ottima Gara 6 i Los Angeles Lakers mettono la parola fine sul campionato NBA e sulla bolla di Orlando. Tripla doppia ed MVP per James

di Raffaele Guerini

Difficile immaginare, per LeBron James, un finale più dolce di così. Non solo il ragazzo di Akron guida i suoi Lakers al loro 17esimo titolo, il quarto personale, ma si porta a casa anche il quarto trofeo di MVP delle Finals. Un trionfo totale per il Re, che chiude in gloria la propria 17esima stagione in NBA e la sua 14esima apparizione ai Playoff. Prima volta, invece, per Anthony Davis, che tocca l’apice di una carriera finora povera di successi.

La partita, a differenza della precedente, non è una gara tirata. I Lakers entrano in controllo nel primo minuto della gara e ci restano per tutta la partita, con Miami che non riesce ad andare in vantaggio una sola volta in 48 minuti. Insomma, dominio totale gialloviola, con Los Angeles trascinata da James che chiuderà la partita con una tripla-doppia da 28 punti, 14 rimbalzi e 10 assist.

Miami non gioca una pessima gara, tuttavia non riesce a stare al passo dei Lakers e si accontenta del secondo posto. Il migliore in Gara 6 è Bam Adebayo, con 25 punti e 10 rimbalzi, ma è difficile rimproverare qualcosa ad una squadra che è andata decisamente oltre le aspettative della maggior parte di tifosi ed analisti. In particolare Jimmy Butler, negli ultimi anni girovago della NBA, deve tornare a casa soddisfatto delle proprie prestazioni. Miami è una squadra giovane, con delle ottime basi, e va ricordato che è rimasta senza Goran Dragic per tutte le Finals. In cattedra è salito un ottimo Tyler Herro, ma non è bastato per opporsi all’avanzata dei Lakers del duo Anthony-James.

Oltre ai due noti, tuttavia, è importante rimarcare come le seconde linee dei gialloviola si siano fatte trovare pronte nel momento del bisogno. Secondo in termini di punti in Gara 6, a parimerito con Davis, troviamo ad esempio Rajon Rondo. Scartato da molte squadre, preso spesso di bersaglio dai tifosi per un’età che, purtroppo, avanza per tutti, Rondo ha saputo dimostrare come l’esperienza e la determinazione non siano fattori da sottovalutare. Le sue prestazioni ai Playoff hanno fatto ricredere molti dei suoi critici e non lo si può non considerare un pezzo fondamentale del puzzle. Altrettanto bene, nel corso delle ultime settimane, hanno giocato personaggi come Danny Green, Kentavious Caldwell-Pope e Dwight Howard, alla sua seconda esperienza con i Lakers.

Non è neanche un caso, allora, che questa partita coincida con il record, messo a segno da LeBron, per partite giocate ai Playoff. 260, una in più del veterano Lakers Derek Fisher, a dimostrare come oltre le critiche e i confronti, dovremmo essere più che felici di assistere alle prestazioni di uno dei migliori cestisti della storia. Portando il titolo a Los Angeles, infatti, LeBron James ha dimostrato ancora una volta di poter buttare il cuore oltre l’ostacolo. Quindi, buone celebrazioni tifosi Lakers; tifosi Heat, non disperate. Tifosi del basket, si chiude così un’altra stagione NBA e non ci resta che tornare a fremere in attesa della prossima.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy