Jokic e Murray guidano i Nuggets. Clippers k.o e serie 1-1

Jokic e Murray guidano i Nuggets. Clippers k.o e serie 1-1

Gara perfetta per i Nuggets che conducono dall’inizio alla fine e mettono al tappeto L.A. Jokic (28) e Murray (27) determinanti. Grigia serata per Leonard (13).

di Alessandro Elia

I Denver Nuggets mostrano il loro volto migliore, e con una gara autorevole pareggiano subito i conti nella Semifinale della Western Conference contro i Los Angeles Clippers.

Gara-2 ha avuto un solo padrone. La squadra di coach Malone conduce le danze sin dalla palla a due e tiene la partita in mano con il più classico dei wire-to-wire. Si parte passando dal 14-2 iniziale con il primo quarto chiuso 44-25 per Denver. La coppia Jokic-Murray segna insieme più dell’intera squadra avversaria (26-25) e l’aria è la stessa anche nel 2°quarto che termina sul 72-56. Un passivo davvero pesante per i Clippers (il 3°gap più alto dell’intera stagione) incapaci di reagire all’intensità degli avversari.

Nella ripesa L.A. prova a entrare in partita. Paul George firma un 7-0 che contribuisce a ridurre le distanze. Il team di Rivers arriva anche a -5 (91-86) che è il minimo svantaggio dell’intera partita pareggiando il 7-2 iniziale. Ma la risposta di Denver non si fa troppo attendere. Controbreak di 10-0 che riporta il vantaggio dei Nuggets alle proporzioni iniziali. Arrivano tre triple consecutive di Murray e Harris e il +15 a 5’22” dalla fine porta la sensazione che tutto sia ormai scritto. Nel finale l’espulsione di Beverly mette la parola fine alla partita.

Per Denver ci sono 28 punti e 18 rimbalzi per un grande Nikola Jokic (4 assist, 3 stoppate, 10/17 dal campo, 4/5 da tre punti, 2/2 ai liberi) spalleggiato da un altrettanto eccellente Jamal Murray (27 con 10/21 dal campo, 3/8 da oltre l’arco e 4/5 dalla lunetta). Anche Milsap, Harris, Morris e Michael Porter Jr. contribuiscono all’ottima serata dei Nuggets chiudendo tutti in doppia cifra. Paul George è il migliore dei Clippers ma non è sufficiente. Serata opaca per Leonard che realizza 13 punti nonostante i 10 rimbalzi. 4/17 al tiro, 0/3 da tre punti, e 4 palle perse per l’ex Raptors che aveva segnato almeno 20 punti in 27 delle ultime sue 28 partite dei playoff e nella postseason nella bolla aveva sempre realizzato almeno 29 punti. Non segnava così poco nei playoff dal 13 aprile 2016 nella sfida dei suoi Spurs contro Memphis (13 punti).

Coach Michael Malone a fine gara sottolinea la prova dei suoi “Una squadra completamente diversa da gara-1 ha portato un risultato completamente diverso“. Doc Rivers si dimostra quasi sorpreso “Onestamente credevamo che giocassero più intensi. Ma non fino a questo punto.

DENVER NUGGETS-LOS ANGELES CLIPPERS 110-101
DEN: Grant 5, Murray 27, Jokic 28, Milsap 13, Harris 10, Morris 10, Craig 3, Porter Jr.11,Plumlee 2.
LAC: George 22, Leonard 13, Morris Sr. 11, Zubac 15, Beverly 2, Williams 13, Green 10, Shamet 2, Jackson 3,

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy