Kings, sospeso Cousins per cattiva condotta

0

I Sacramento Kings hanno comunicato che DeMarcus Cousins è sospeso dall’attività sportiva a tempo indeterminato per aver manifestato “comportamento non professionale e condotta dannosa per la squadra”. Così ha annunciato il GM dei Kings Geoff Petrie, in un comunicato da poco diffuso. Secondo alcuni rumors, il giocatore avrebbe avuto un duro battibecco con coach Keith Smart, che sarebbe appunto sfociato addirittura nella sospensione. Il pivot da Kentucky avrebbe urlato parole pesanti verso il suo coach durante l’intervallo del match giocato e perso con i Clippers, criticando il suo operato; non a caso Cousins non è più entrato in campo nei due quarti conclusivi. Egli ha preferito non commentare la vicenda e non ha svolto la sessione di allenamento con i compagni. 

Il pivot di Sacramento sarebbe già stato vicino alla sospensione una decina di giorni fa, quando aveva volontariamente colpito O.J. Mayo all’inguine, e si era poi scusato con lo stesso coach Smart per l’accaduto, che ne aveva inevitabilmente causato l’espulsione. La guardia dei Mavs lo ha definito come una persona avente “gravi problemi mentali e comportamentali”, e, a quanto pare, giunti al secondo episodio la dirigenza dei Kings non si è fatta attendere nell’adottare provvedimenti. Cousins non è mai riuscito a forgiare un buon rapporto con il suo nuovo coach (che invece aveva lo scorso anno con Westphal), e non a caso durante l’estate è stato al centro di numerosi rumors che lo vedevano lontano da Sacramento. Sarà questa la scintilla che ne causerà la cessione?

Photo from si.com