La G-League sperimenta una nuova formula per i tiri liberi

La G-League sperimenta una nuova formula per i tiri liberi

La seconda lega di pallacanestro USA ha deciso di introdurre una regola sperimentale per i tiri liberi, regola che suona rivoluzionaria

di Raffaele Guerini

La G-League, spesso usata per provare cambiamenti in via sperimentale, da quest’anno introdurrà una nuova formula per i tiri liberi, come riporta per ESPN Zach Lowe.

Secondo la nuova regola, ogni giocatore avrà a disposizione un solo tiro libero per ciascun tipo di fallo. Determinante sarà la natura del fallo, con una variazione nel valore del tiro da 1 a 3 in base alla situazione. Ma cosa significa?

Prendiamo i singoli casi. Se un giocatore subisse un fallo sul tiro da 3 punti, avrebbe a disposizione un solo tiro ma dal valore di 3 punti. Nel caso di un tiro da 2 punti, stessa meccanica (un solo tiro libero) ma valore di 2 punti. Rimane invece di 1 solo punto il tiro libero aggiuntivo in caso di canestro segnato.

L’introduzione della regola avverrebbe per sveltire il gioco, con i “nuovi” tiri liberi che potrebbero ridurre la durata delle partite di 6/8 minuti. La regola non si applicherà però negli ultimi due minuti di gioco, sebbene questa finestra temporale possa estendersi in futuro, per evitare falli sistematici a fine gara.

La regola verrà valutata nel corso della nuova stagione e con il procedere delle partite la G-League deciderà se introdurre la regola in via definitiva, o dichiare l’esperimento fallito e tornare alle regole classiche.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy