La NBA torna a giugno, nella migliore delle ipotesi

La NBA torna a giugno, nella migliore delle ipotesi

Se si deciderà di giocare, non sarà a breve.

di La Redazione

Se si deciderà di giocare, non sarà a breve: la NBA è attesa da tre mesi di stop, secondo quanto riportato da Adrian Wojnarowski di ESPN.

Secondo molti dirigenti delle franchigie NBA, se il coronavirus continuerà ad estendersi a lungo sarà difficile tornare alla normalità. Per ora lo stop degli eventi è per i prossimi due mesi, ma potrebbe essere presto prolungato fino a metà giugno.

Per le franchigie NBA non sarebbe un problema scendere in campo anche ad agosto per terminare la stagione, ma c’è da capire due cose: come USA Basketball gestirà la situazione Olimpiadi senza i migliori atleti NBA a disposizione (o solo con quelli delle squadre fuori dai Playoffs) e come riprendere la stagione.

Due cose sembrano quasi certe, nel caso si riprenda: le gare saranno senza pubblico e si inizia subito con la postseason, senza terminare la regular season.

Probabile poi che l’inizio della prossima stagione venga posticipato a dicembre. Anche il draft ed il mercato (qui i migliori free agent disponibili) verrebbero spostati da luglio a settembre.

Attualmente tre giocatori NBA sono colpiti dal virus, nei prossimi giorni si capirà se ce ne sono altri.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy