La Western Conference NBA ai nastri di partenza

Analizziamo il mercato di ogni singola franchigia ad Ovest e facciamo le preview della Western Conference NBA, con tanto di pronostici.

di La Redazione

PACIFIC DIVISION

Bleacher Report

di Raffaele Guerini

Dopo aver analizzato la Eastern Conference con il mercato e le aspettative per la nuova stagione, ora facciamo lo stesso anche per la Western Conference. Buona lettura!

LOS ANGELES LAKERS

PG: James L, Schroder D, Cook Q,

SG: Matthews W, Caruso A, Horton-Tucker T,

SF: Caldwell-Pope K, Kuzma K, McKinnie A,

PF: Davis A, Morris M, Antetokounmpo K, Cacok D, Dudley J

C: Gasol M, Harrell M

 

Il mercato ha portato esattamente quello che ci si augurava in casa Lakers: principalmente, le conferme. LeBron James ha allungato per altri due anni, Anthony Davis sarà gialloviola per cinque anni, KPC e Markieff Morris hanno firmato per restare (3 anni il primo, 1 il secondo). Come se tutto ciò non bastasse, sono arrivati Dennis Schroder, Montrezl Harrell e Marc Gasol a rimpolpare il roster. Per concludere, da segnalare le firme di Jared Dudley, Kostas Antetokounmpo e Wesley Matthews.

Chi mangia bene non è sazio, o almeno non lo sono i Los Angeles Lakers. Dopo la conquista del titolo nella stagione scorsa, i Lakers non hanno intenzione di ritirarsi dalla corsa e anzi, saranno ancora la squadra da battere. Persi Danny Green e Javale McGee, i rimpiazzi arrivati sono sicuramente di ottimo livello per la second unit di una squadra che già sa come giocare. Ottimo aver rifirmato alcuni tasselli importanti della scorsa stagione, difficile che non arrivino in testa alla Pacific Division (e alla Conference) a fine stagione.

Pronostico: 60-12

USA Today Sports

LOS ANGELES CLIPPERS

PG: Beverley P, Jackson R, Ford J

SG: George P, Williams L, Kennard L, Scrubb J

SF: Leonard K, Batum N, Mann T, Coffey A

PF: Morris M, Patterson P, Fitts M, Kabengele M

C: Zubac I, Ibaka S, Oturu D

 

Il mercato ha portato un leggero scompiglio, con JaMychal Green e Montrezl Harrell che si sono trasferiti verso i Nuggets e i Lakers, rispettivamente, ovvero due dirette concorrenti. In compenso, sono arrivati Serge Ibaka e Nicolas Batum. Più dubbi sul secondo che sull’apporto del primo, sia dentro che fuori dal campo. Veleggiano già in altri lidi invece Landry Shamet (Brooklyn) e Joakim Noah, ufficialmente ritiratosi.

Si prepara una stagione difficile per i Clippers: non tanto per quanto messo in campo, quanto per la testa e il morale fuori. La stagione scorsa non si è conclusa come i tifosi e la dirigenza speravano, con l’uscita nelle semifinali di Conference contro i meno quotati Denver Nuggets. Leonard ritrova un amico in Ibaka e la manovra trova un lungo più da pick-n-pop che da pick-n-roll come era Harrell. Sicuramente una squadra da playoff i Clippers, bisogna vedere se ci sarà una svolta a livello di gioco e di mentalità rispetto all stagione scorsa.

Pronostico: 50-22

USA Today Sports

GOLDEN STATE WARRIORS

PG: Curry S, Wanamaker B, Mannion N, Mulder M

SG: Oubre K, Poole J, Toscano-Anderson J

SF: Wiggins A, Bazemore K, Lee D, Sutton D, Toupane A,

PF: Green D, Paschall E, Smailagic A

C: Chriss M, Wiseman J, Looney K

 

La stagione dei Warriors è per forza condizionata ancora una volta da un infortunio, ancora una volta per Klay Thompson. Dal Draft sono arrivati Wiseman (lungo) e Nico Mannion (play/guardia), mentre dal mercato il pezzo più pregiato è Kelly Oubre Jr. da Phoenix. A margine, aggiunti Brad Wanamaker e Kent Bazemore per riempire un roster altrimenti stringato.

Toccherà a Stephen Curry e Oubre risollevare le sorti di una franchigia che aveva schiacciato l’acceleratore con prepotenza: nuovo palazzetto, salary cap sfondato. L’arrivo di Oubre e Wanamaker si inserisce nel gioco in transizione veloce auspicato da coach Kerr, dove un atleta come Wiseman dovrebbe trovarsi altrettanto bene. Mannion potrebbe essere disponibile per 50 partite (cambiati i contratti two-way) ma Poole, Wanamaker e Oubre sono ampiamente davanti nelle gerarchie.

Pronostico: 34W – 38L

Getty Images

PHOENIX SUNS

PG: Paul C, Payne C, Carter J, Alexander T

SG: Booker D, Galloway L, Moore E

SF: Bridges M, Johnson C, Nadel A

PF: Crowder J, Saric D, Diallo C, Motley J, Owens T

C: Ayton D, Smith J, Jones D

 

Il pezzo forte del mercato è la firma di Chris Paul, arrivato tramite trade insieme ad Abdel Nader dagli Oklahoma City Thunder. Esperienza la porta anche Jae Crowder, firmato per tre anni, mentre per la parte restante si parla di riconferme: sono rimasti Cameron Payne, Dario Saric e Jevon Carter. La squadra ha perso qualche pezzo qua è là, ma le partenze pesanti sono state considerate un rischio calcolato per arrivare a Paul.

Difficile inquadrare precisamente i Suns in questo avvio di stagione: sicuramente troviamo una squadra rinforzata rispetto allo scorso anno, che arriva carica sulla cresta dell’onda di imbattibilità nella bolla di Orlando. Quanto c’è però di vero e ripetibile nelle condizioni in cui si è giocato in estate? Sicuramente, Booker e Ayton sono cresciuti, così come Payne ha dimostrato di essere un ottimo aiuto dalle seconde linee. L’incognita del Draft Jalen Smith, quasi un replay dell’anno scorso (scelta alta – giocatore non così in alto da pronostico), potrebbe essere una piacevole sorpresa nelle rotazioni dei lunghi.

Pronostico: 42-30

Getty Images

SACRAMENTO KINGS

PG: Fox D, Joseph C

SG: Hield B, Haliburton T, Guy K, Jeffries D, Ramsey J, Woodard R

SF: Barnes H, Parker J, James J

PF: Bagley M, Bjelica N, Kaminsky F

C: Holmes R, Whiteside H

 

Non c’è molto da dire sul mercato dei Kings, che appare decisamente povero rispetto alle altre squadre della Division. Il nome più grosso in entrata è Hassan Whiteside (e questo già dà un’indicazione), seguito da Frank Kaminski. La mossa a sorpresa è arrivata invece dal Draft: Tyrese Haliburton, guardia molto promettente, arriva per partire dalla panchina. Con De’Aaron Fox stabile PG, la concorrenza è quella di Buddy Hield (Bogdanovic ha lasciato la squadra in estate).

Una stagione che difficilmente potrà essere foriera di grandi vittorie, dato che il roster dei Kings non ha fatto grandi passi avanti rispetto a quello dello scorso anno. Anzi, con la perdita di Bogdanovic può darsi che i passi siano stati fatti, ma indietro. Il Draft ha portato una nuova guardia, che potrebbe donare nuova vitalità a un team che ha decisamente perso la bussola nella scorsa stagione. Marvin Bagley III deve far vedere perché è stato una scelta n.2, mentre ci sono un po’ di veterani che devono riuscire a tirare fuori la voglia di vincere per non trasformare il campionato dei Kings in una tragedia. Uno dei migliori social media manager della Lega avrà bisogno di contenuti per tenere alto il morale dei tifosi.

Pronostico: 27-45

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy