NBA Awards Inside: i premi NBA secondo la Redazione

NBA Awards Inside: i premi NBA secondo la Redazione

La Redazione americana azzarda chi otterrà i vari premi NBA

di La Redazione

Come ogni anno la Redazione si è pronunciata, provando a prevedere a chi andranno i premi di fine anno, riservati alla Regular Season, ed il titolo di campione NBA.

Di seguito i nostri risultati…

 

MVP: Giannis Antetokoumpo

usa today.com

(menzioni per: James Harden)

 

L’MVP della stagione sarà, con una maggioranza schiacciante, Giannis Antetokoumpo. La stagione del greco è da incorniciare, essendo leader in punti, rimbalzi e assist della squadra col miglior record NBA. La cosa ancora più sorprendente, è che ha ancora margini enormi di miglioramento…Leader di una Milwaukee camaleontica e in formissima, vedremo dove riuscirà a condurre i Cervi in post season.

 

Most Improved Player: Pascal Siakam

hoopshype.com

(menzioni per D’Angelo Russell, Brook Lopez, Zach LaVine, Nikola Vucevic)

 

Il giocatore più migliorato dell’anno, pur con risicata maggioranza, per noi è Pascal Siakam: il camerunense ha tirato fuori dal cilindro una stagione clamorosa in termini soprattutto offensivi (era già invece un ottimo difensore). E’ passato da 7.3 punti di media a 16.9, da 4.5 a 6.9 rimbalzi, ma soprattutto ha migliorato le proprie percentuali in maniera esponenziale: dal 22% al 36.9 quella da tre punti, dal 62 al 79% quella ai liberi, oltre ad aver segnato in stagione un paio di tiri per vincere la partita. Non è il giocatore più importante dei Raptors, ma non escludiamo possa diventarlo in un futuro non troppo prossimo.

 

Defensive Player of the Year: Paul George

sporting news

(menzione per: Rudy Gobert, Giannis Antetokounmpo)

In uno scontro serratissimo con quello che dovrebbe essere l’MVP della stagione, premiamo il giocatore degli Oklahoma City Thunder, che ha giocato tra Dicembre e Febbraio una pallacanestro straordinaria su entrambi i lati del campo, e l’NBA gli darà il riconoscimento per quella della sua metà campo.

 

6th man of the year: Lou Williams

nbclosangeles.com

(menzioni per: Montrezl Harrell, Dennis Schroder, Domantas Sabonis, Dwyane Wade, Spencer Dinwiddie)

 

Il sesto uomo dell’anno sarà ancora una volta Lou Williams, che raggiungerà così Jamal Crawford a 3 riconoscimenti nella categoria. Lou è il giocatore più prolifico dalla panchina nella storia NBA, e continuerà a scrivere pagine in tal senso, vista l’età e la condizione psicofisica. Leader silenzioso di questi Clippers quando conta, quando la palla scotta a Los Angeles sanno a chi rivolgersi.

 

Rookie of the Year: Luka Doncic

si.com

(menzione per: Trae Young)

Forse condizionati dall’europeismo insito in noi, Luka Doncic è il nostro candidato a Rookie dell’anno. La sfida a due tra lui e Young (che, dopo l’All Star Game, non è stato semplicemente il Rookie migliore dal punto di vista offensivo soprattutto, ma uno dei giocatori migliori della Lega) se la aggiudicherà poiché è rimasto costante per tutta la stagione, dimostrandosi fin da subito il nuovo leader dei Mavericks che hanno salutato il totem Dirk Nowitzki pochi giorni fa. Le cifre di Luka sono state le seguenti: 21.2 punti, 7.8 rimbalzi, 6.0 assist, col 42% dal campo ed il 32.7% da tre punti.

 

Coach of The Year: Mike Budenholzer

dairylianexpress.com

(menzioni per Kenny Atkinson, Mike Malone)

 

L’allievo è ufficialmente diventato maestro: dopo i suoi splendidi Atlanta Hawks, Budenholzer al primo anno in Wisconsin ha plasmato i Bucks e li ha resi una fuoriserie; il talento di Giannis, unito comunque agli ottimi elementi a roster (notare l’utilizzo di Brook Lopez, arrivato a tirare sino a 15 triple in una sola partita) è venuto fuori in maniera straripante, facendo schizzare i Bucks in vetta alla Eastern Conference, miglior record della Lega e arrivo in post season con tante speranze. Riusciranno a fare l’ultimo passo ed arrivare sino in fondo? Le premesse ci sono tutte, e il merito è anche dell’ex allievo di Coach Popovich.

 

Primo quintetto NBA: Stephen Curry, James Harden, Paul George, Giannis Antetokounmpo, Joel Embiid.

 (menzioni per: Rudy Gobert, Kawhi Leonard, Kevin Durant, Kemba Walker, Nikola Vucevic, Russell Westbrook, Nikola Jokic)

 

Miglior quintetto difensivo: Klay Thompson, Kawhi Leonard, Giannis Antetokounmpo, Paul George, Rudy Gobert.

(menzioni per: Joel Embiid, Draymond Green, Myles Turner, Patrick Beverley, Marcus Smart, Jimmy Butler, Josh Okogie)

 

 

Primo quintetto Rookie NBA: Trae Young, Luka Doncic, Marvin Bagley III, Jaren Jackson Jr., DeAndre Ayton.

(menzioni per Mikal Bridges, Shai Gilgeous-Alexander, Landry Shamet, Kevin Knox, Mitchell Robinson)

 

 

Campioni NBA: Golden State Warriors

 

youtube.com

(menzioni per Houston Rockets, Milwaukee Bucks)

 

Anche quest’anno, secondo noi vinceranno i ragazzi della Baia. Gli screzi sono alle spalle, sono consapevoli che forse anno prossimo non ci saranno più tutti ma nonostante ciò marciano, come sempre, uniti nella stessa direzione. Ci sarà una serie di Playoffs in grado di impensierirli? Già al secondo turno, se passeranno i Rockets, sembra di sì. Ma secondo noi, trionferanno sempre loro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy