NBA Playoffs: la preview di Miami Heat- Brooklyn Nets

0

A cura di Leonardo Zeppieri e Fabrizio Gerbino. Miami Heat (Regular Season: 54-28, Playoffs: 4-0 vs Charlotte)   110nationsports.com   I Miami Heat si presentano in gran forma per la serie contro i Brooklyn Nets; la truppa di Spoelstra, infatti, dopo aver rifilato uno sweep all’ultima versione Bobcats di Charlotte (unico 4-0 del primo turno), hanno potuto riposarsi per un’intera settimana. Al contrario, i ragazzi di Kidd sono riusciti a domare i Raptors solo in una combattutissima gara 7 all’Air Canada Center. Qui dunque il punto di vantaggio maggiore per gli Heat, che affronteranno una squadra più stanca e imbottita di veterani all’ultimissima chiamata. Dal lato prettamente tecnico, sarà davvero interessante scoprire quale starting five intenderà mandare in campo Coach Spo; continuare a giocare con due lunghi veri (soluzione che aveva pagato numerosi dividendi) o, considerato che Pierce giocherà da 4, tornare all’assetto ‘small’, con Shane Battier (che però è ormai finito fuori dalle rotazioni) in quintetto? Dilemma interessante, ma crediamo che Miami resterà, almeno inizialmente, con Haslem e Bosh. Offensivamente, il match up che verrà esplorato di più sarà certamente quello tra LeBron James e, probabilmente, Alan Anderson (messo in quintetto da Kidd nelle ultime partite contro Toronto), con gli Heat che manderanno spesso e volentireri il Prescelto a giocare in post basso. Difensivamente, invece, i problemi sembrano più grandi, con Joe Johnson e Deron Williams pronti a creare in isolamento (il primo) e dal pick and roll (il secondo) sia per se stessi che per i compagni, spesso pericolosi sugli scarichi. Se gli Heat saranno capaci di limitare questi due giocatori, avranno molte più possibilità di vittoria. Decisiva risulterà inoltre la sfida tra le panchine, entrambe molto profonde.   Quintetto base: Chalmers, Wade, James, Haslem, Bosh.  Voto: 8,5 Starting lineup di ottimo livello per gli Heat, con James (30 punti, 8 rimbalzi, 6 assists e 2,3 recuperi di media con il 55% al tiro contro Charlotte) e Wade che dovranno si mettere punti a referto, ma anche rendersi protagonisti di quegli “stops” difensivi che nei Playoffs decidono spesso e volentieri partite e serie. A completare il quintetto Bosh, Haslem e Chalmers, con i primi due che dovranno fare la voce grossa sotto i tabelloni e farsi trovare pronti sugli scarichi dei compagni e Mario con il difficile compito di arginare D-Will.   Panchina: Allen, Cole, Andersen, Jones, Battier, Beasley, Hamilton, Douglas, Oden, Lewis. Voto: 7,5 Panchina profonda, quella di Miami. Il nome di spicco è ovviamente quello di Ray Allen, che ha avuto parecchie difficoltà durante il primo turno (3,3 punti con il 26% dal campo e il 27% da 3), ma resta uno dei tiratori più letali in circolazione. Altro tiratore fenomenale è James Jones (44% da 3 contro i Bobcats), pupillo di Spoelstra, da poco rientrato nelle rotazioni. Completano la rotazione Cole e Andersen, chiamati a portare energia, e Rashard Lewis. Fuori dai piani del delfino di Riley, invece, sembrano Battier, Beasley e Oden.   Brooklyn Nets (Regular season 44-38, Playoffs 4-3 Toronto)  

www.zimbio.com
I Nets arrivano alla serie con gli Heat dopo una tiratissima serie con i Raps che si è conclusa soli due giorni fa con una vittoria convincente. A contrario Miami dopo lo “sweep” ai danni di Charlotte è ferma dall’altro lunedì, lungo stop che dovrà rivelarsi un’arma a doppio taglio per i campioni in carica. Gli scontri in stagione sono stati vinti tutti dai Nets, ma per tre volte su quattro di un solo punto, quindi questa statistica non trova molto spazio, di certo denota una particolare difficoltà degli Heat a addattarsi ai Nets. La chiave sarà fermare James per i Nets, ruolo che andrà a Anderson o Johnson se coach Kidd continuerà ad adottare il quintetto piccolo e a questo punto si potrebbe vedere rispolverare Kirilenko dalla panchina per provare a arginare il prescelto. Un’altra chiave sarà il duello fra i due lunghi: KG vs Bosh, “the big ticket” è chiamato a giocare una serie ben diversa rispetto a quella coi canadesi se i Brooklyn vogliono riuscire nell’upset. Rimane Wade, che verrà marcato da Anderson o Johnson oppure può darsi che venga messo D-Will, staremo a vedere. Di sicuro se Brooklyn vuole vincere non può permettersi errori e deve limitare il big 3. Quintetto: Williams, Anderson, Johnson, Pierce 10, Garnett. Voto 8 Un quintetto che vive sull’asse delle due guardie All-Star Williams-Johnson che è stato letale per Toronto che hanno combinato 39 punti a gara nella serie. Pierce e KG  non sono pù gli stessi di una volta, ma il loro contributo non è solo quello sul campo, anche quello di portare esperienza e carattere alla squadra per non fallire quando conta Panchina: Livingston, Teletovic, Plumlee  ,Kirilenko , Blatche, Thornton. Voto 7.5 Una panchina che ha fatto molto bene nella prima serie grazie ai lampi di Teletovic e Thornton poi e all’apporto costante di Blatche e Livingston. Senza poi dimenticare giocatori come Plumlee col suo grande atletismo, Kirilenko con la sua esperienza.   Pronostico di Leonardo Zeppieri : Heat in 6 Pronostico di Fabrizio Gerbino: Nets in 6

Leonardo Zeppie

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here