NBA Playoffs Preview Inside: 1° turno Western Conference

0

[tps_title] (2) Golden State Warriors vs San Antonio Spurs (7) [/tps_title]

http://www.nbcsports.com

GOLDEN STATE WARRIORS:
Quintetto titolare:  Quinn Cook, Klay Thompson, Draymond Green, Kevin Durant, Zaza Pachulia
Panchina: Jordan Bell, Chris Boucher, Andre Iguodala, Damian Jones, Shaun Livingston, Kevon Looney, Patrick McCaw, JaVale McGee, David West, Nick Young.
Regular Season: Sebbene siano i campioni in carica e abbiano l’indiscusso potenziale per vincere a mani basse anche quest’anno, la Regular Season dei Golden State Warriors ha avuto le prime ombre da anni a questa parte proprio negli ultimi giorni: i Dubs, falcidiati a turno dagli infortuni, hanno il proprio uomo fondamentale (Stephen Curry) ai box per infortunio, e hanno già dichiarato che salterà l’intero primo turno. Delle ultime 10 partite ne hanno perse 6, chiudendo la stagione con un imbarazzante -40 a Utah e prestazioni difensive abbastanza rivedibili. Il potenziale è però ovviamente indiscutibile anche senza Curry, ed i favori del pronostico sono ovviamente dalla loro parte.
Punto di forza: Il talento offensivamente smisurato di Kevin Durant e Klay Thompson, capaci di accendersi in un batter d’occhio e scavare solchi nel punteggio. Kevin Durant è una vera superstar di questa lega e ha già dimostrato di saper vincere le partite da solo, in più occasioni. Klay Thompson sarà chiamato a fare qualcosa in più contro gli Spurs a causa dell’assenza di Stephen Curry. L’intelligenza tecnica e tattica di Draymond Green sarà un punto fondamentale in questa serie. Draymond è il leader difensivo e offensivo di questa squadra, più di quanto le statistiche dimostrino.
 
SAN ANTONIO SPURS:
Quintetto titolare:  Dejounte Murray,  Danny Green,  Kyle Anderson,  Pau Gasol, LaMarcus Aldridge
Panchina: Davis Bertans, Matt Costello, Bryn Forbes, Rudy Gay, Manu Ginobili, Danny Green, Darrun Hilliard, Joffrey Lauvergne, Kawhi Leonard, Patty Mills, Tony Parker, Brandon Paul, Derrick White.
Regular Season:  Se Golden State ha avuto una Regular Season insolita per i propri canoni, i San Antonio Spurs hanno avuto quella più in chiaroscuro degli ultimi vent’anni: il caso Leonard, forse separato in casa o forse semplicemente in convalescenza, ha condizionato la stagione degli speroni, per la prima volta sotto le 50 vittorie in Regular Season da anni e conquistando la post season solo alle ultime battute, trascinati dalle prestazioni di un monumentale LaMarcus Aldridge. E’ difficile vederli arrivare fino in fondo dopo una stagione così forzata, ma mai scommettere contro Gregg Popovich ed i suoi pretoriani, sempre in grado di riservare sorprese.
Punto di forza: Lamarcus Aldridge è ovviamente l’uomo insostituibile, ma anche l’esperienza di Danny Green, Manu Ginobili e in parte Tony Parker possono dare qualcosa in più ai neroargento. Menzione anche per la freschezza di Dejounte Murray, nota positiva della stagione Spurs. I San Antonio Spurs hanno la forza di non morire mai, anche quando i pronostici sono contro di loro. L’esperienza di Coach Popovich è un extra da non poco e questo può giocare brutti scherzi a dei Golden State Warriors tutt’altro che in forma smagliante.
La chiave della serie: Se i Golden State Warriors riusciranno ad impostare il loro ritmo, fatto di un gioco in cui si corre a mille all’ora, ci sarà poco da fare per gli Spurs. I big (e non solo) dei Warriors sembrano essere arrivati al finale di stagione con il freno a mano tirato per risparmiarsi in vista dei Playoffs, ora sarà fondamentale ritornare ai livelli già visti per Durant, Thompson e compagni. San Antonio cercherà di sfruttare il post basso, punto di forza dei texani con LaMarcus Aldridge e Pau Gasol, oltre alla grandissima esperienza di Manu Ginobili in uscita dalla panchina.
Pronostico Basketinside: 4-1 Golden State Warriors.
Le due squadre, seppur per motivi diversi, si accoppiano anche male; i tiratori rapidi di Golden State sono difficilmente contenibili dai difensori Spurs, che però in post basso possono contare su Aldridge, che godrà del vantaggio della statura su Draymond Green; sembra tuttavia improbabile un upset nella Baia, tanto è il talento dei campioni in carica.
 
 
 
 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here