NBA Preview – Northwest Division

0

[tps_title]MINNESOTA TIMBERWOLVES[/tps_title]

NBA.com

Roster (in grassetto il probabile quintetto base): Karl-Anthony Towns, Noah Vonleh, Robert Covington, Andrew Wiggins, Jeff Teague, Josh Okogie, Jake Layman, Shabazz Napier, Jordan Bell, Treveon Graham, Jarrett Culver, Keita Bates Diop, Tyrone Wallace, Jaylen Nowell, Naz Reid.
Arrivi: Noah Vonleh, Jake Layman, Shabazz Napier, Jordan Bell, Treveon Graham, Jarrett Culver (Rookie), Tyrone Wallace, Jaylen Nowell (Rookie), Naz Reid (Rookie).
Partenze: Dario Saric, Anthony Tolliver, Derrick Rose, Luol Deng, Jerryd Bayless, Tyus Jones, Jared Terrell, Cameron Reynolds.
I Minnesota Timberwolves quest’estate hanno rischiato il colpaccio: a quanto pare, erano i frontrunners principali per l’acquisizione di D’Angelo Russell, che aveva dato il proprio benestare pur di giocare con l’amico Karl Anthony Towns. Con un colpo di coda però, i Golden State Warriors se lo sono assicurato, lasciando i Timberwolves con un pugno di mosche. Il nuovo GM colombiano Gersson Rosas, ha portato tuttavia a Minneapolis tanti giocatori di medio livello interessanti per migliorare la squadra: Noah Vonleh ha quelle caratteristiche difensive che dovrebbero aiutare Towns sotto canestro, Layman la perimetralità, Napier e Wallace rispettivamente fantasia e ordine in regia, Bell e Graham energia. Il quintetto base, oltre al totem Towns, vede l’eterno incompiuto Wiggins (riuscirà ad essere incisivo oltre che nello scoring?), il discontinuo Teague e l’utilissimo Covington (spesso infortunato lo scorso anno, se sano capace di far cambiare volto all’intera squadra, soprattutto difensivamente). Il Coach è il confermato Ryan Saunders (che avrà due assistenti di assoluto rispetto come Vanterpool e Prigioni), molto giovane e molto gradito ai giocatori, che dovrà puntare molto sullo sviluppo di due giovani in particolare: il nigeriano Okogie, visto anche al Mondiale e giocatore già di buon livello, e Jarrett Culver, preso con la #5 al Draft di quest’anno ed ex finalista NCAA con Texas Tech. Ci si aspetta una stagione di medio-alto livello, altrimenti il totem Karl Anthony Towns, nonostante abbia ripetutamente ribadito il proprio amore alla franchigia, potrebbe puntare i piedi stile Anthony Davis la scorsa stagione. L’Ovest, tuttavia, è un acquario pieno zeppo di piranha.
Obiettivo: le ultime piazze della griglia Playoffs. Sulla carta Clippers, Lakers, Rockets, Jazz, Blazers, Warriors e Nuggets sono già certe della Post Season. I T’Wolves dovranno battagliare con Kings, Pelicans, Mavericks, eventualmente Thunder e gli immortali Spurs. Impresa quasi impossibile.
Pronostico: 41 W – 41 L.

di Fabrizio Martini