NBA, tutte le firme della Free Agency (3° giorno)

Continua la Free Agency in NBA ed ecco tutte le firme del terzo giorno di mercato. In questo pezzo abbiamo riassunto tutti i movimenti delle ultime 24 ore.

di Gaetano Cantarero

La Free Agency NBA è entrata nel vivo negli ultimi due giorni e adesso è arrivato il momento per le franchigie di completare i roster, con tanti affari minori che sono stati portati a termine.

I Dallas Mavericks hanno deciso di confermare il centro Willie Cauley-Stein. Secondo quanto riportato da Tim MacMahon per ESPN, il prodotto Kentucky Wildcats ha accettato una proposta biennale da 8,2 milioni di dollari.

A Phoenix è arrivata, invece, la firma di Damian Jones. Il centro classe 1995, due volte campione NBA con i Golden State Warriors, ha firmato un biennale con i Suns dopo la sua esperienza ad Atlanta nella passata stagione. Jones ha giocato poco più di 16 minuti di media nella franchigia della Georgia, con 5.6 punti e 3.7 rimbalzi di media.

Si profila anche una trade sull’asse Pistons-76ers con la franchigia di Philadelphia che acquisisce il centro Tony Bradley e spedisce in Michigan Zhaire Smith, così come confermato da Adrian Wojnarowski via Twitter.

Photo by Ashley Landis-Pool/Getty Images

Continuerà per un’altra stagione l’avventura di JaKarr Sampson a Indiana. I Pacers, infatti, hanno deciso di offrire all’ala uscita da St. John’s un contratto annuale al minimo salariale. Sampson nel 2018 aveva chiuso la sua carriera NBA, decidendo di accettare una proposta dalla Cina, salvo poi rientrare negli States. Ad Indianapolis, inoltre, arriva tramite trade Jalen Lecque e una futura seconda scelta da OKC, che riceve in cambio TJ Leaf.

Sarà New Orleans la nuova destinazione di Willy Hernangomez. Il centro spagnolo, dopo tre anni a Charlotte, ha deciso di firmare per una stagione con i Pelicans al minimo salariale, come annunciato dal suo agente Guillermo Bermejo (YouFirst and Tandem Sports) a The Athletic.

Trattamento economico ben diverso per Juancho Hernangomez che rimane ai Minnesota Timberwolves dove andrà a percepire 21 milioni di dollari in tre anni, come si legge da Shams Charania per The Athletic. Nel contratto del lungo spagnolo sarà presente una team-option per l’ultimo anno.

Altra mossa per i Phoenix Suns è la firma di E’Twaun Moore per un annuale.  La guardia scelta alla 55 nel draft 2011, che ha poi giocato 8 partite a Treviso durante il lockout, ha deciso di accettare la proposta della franchigia dell’Arizona da 2,4 milioni di dollari, come riporta via Twitter Marc Stein.

Brian Sevald/Getty Images

Accordo trovato anche tra Bismack Biyombo e gli Hornets. Il centro congolese, scelto nel 2011 come settima assoluta di Kings ma immediamente ceduto a Charlotte, ha accettato la proposta di rimanere in North Carolina per un contratto annuale, come riporta Chris Haynes su Twitter.

Rimane a San Antonio Quinndary Weatherspoon, con gli Spurs che sottoscriveranno con la guardia uscita da Mississippi State University un two-way contract. Conferma arrivata tramite il suo agente Daniel Hazan ad ESPN.

Si muovono i Denver Nuggets nel reparto lunghi con l’arrivo di Isaiah Hartenstein, così da sostituire Torrey Craig che è volato a Milwaukee. Per il tedesco pronto un contratto biennale, come confermato da Mike Singer del Denver Post.

Accordo per un contratto triennale tra Houston Rockets e Jae’Sean Tate. L’ala piccola, uscito da Ohio State, ha giocato l’ultima stagione in Austriale con i Sidney Kings, dopo la stagione giocata ad Anversa. La notizia arriva da Jonathan Feigen dello Houston Chronicle.

Cambia conference Sterling Brown che, dopo aver giocato per i Bucks, ha firmato un contratto annuale con i Houston Rockets, come conferma Chris Haynes via Twitter. Il prodotto Southern Methodist University nella passata stagione ha totalizzato 5.1 punti e 3.5 rimbalzi in 14.8 minuti di media con Milwaukee.

Trade tra Cavs e Lakers per fare spazio a Marc Gasol. Cleveland prende JaVale McGee (in scadenza a 4.2 milioni) e una seconda scelta futura, e cede ai gialloviola Alfonzo McKinnie e Jordan Bell.

https://www.skysports.com/

Kent Bazemore ha deciso di tornare a Golden State. Tante proposte sul tavolo per la guardia uscita da Old Dominion University, ma come confermato dal suo agente Austin Walton a The Athletic la scelta alla fine è ricaduta sui Warriors, franchigia nel quale è iniziata la carriera NBA di Bazemore. Per lui pronto un contratto annuale.

Rimane a Memphis Jontay Porter. L’ala, non scelta nel Draft 2019 dopo essere uscito da Missouri, ha accettato la proposta triennale a 6 milioni di dollari propostagli dai Grizzlies, come confermato dai suoi agenti Mark Bartelstein e Andy Shiffman (Priority Sports) ad ESPN.

Mossa dei Portland Trail Blazers che decidono di rinforzarsi nel reparto lunghi con un contratto annuale per Harry Giles. Il prodotto di Duke, dunque, lascia dopo due anni Sacramento e si trasferisce proprio a Portland, la franchigia che lo aveva scelto alla numero 20 nel Draft 2017 salvo poi cedere i diritti ai Kings.

I New York Knicks hanno deciso di firmare con un two-way contract Theo Pinson, guardia da North Carolina che nelle ultime due stagioni aveva vestito la maglia dei Brooklyn Nets. La conferma è arrivata tramite Twitter da Bobby Marks di ESPN. Ai Knicks proseguirà anche la carriera di Austin Rivers. Il figlio di coach Doc vola quindi ad Est dopo aver giocato le ultime due stagioni a Houston e firma un contratto triennale a 10 milioni (ma solo il primo è garantito). La conferma arriva da Adrian Wojnarowski tramite Twitter.

I Knicks mandano anche Ed Davis (arrivato dai Jazz con due seconde scelte) ai Timberwolves in cambio di Omari Spellman, Jacob Evans e una seconda scelta. Con un veterano in scadenza New York ha guadagnato due giovani (per loro contratti di un anno con team option) e tre seconde scelte, non male.

Qui i link per tutti gli altri affari conclusi:

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy