Quando LeBron crebbe di 3kg in una partita

Ai tempi delle sfide tra Heat e Pacers nelle Eastern Conference Finals.

di Ario Rossi, @ArioRossi7

In un pezzo ben articolato di Brian Windhorst su ESPN, l’autore porta alla luce dei dettagli incredibili su LeBron James, compreso un episodio sconcertante per i suoi stessi compagni.

La stella ora ai Cavs ne ha fatte di ogni, giocando sopra una seria distorsione alla caviglia e terminando in tripla doppia, oppure facendo un workout di 4 ore prima di una partita di playoff nella quale poi segnò 40 punti in 40 minuti di utilizzo.

Ma la cosa più incredibile – se ancora possiamo meravigliarci di quanto alieno sia James – è che prima di una partita di Eastern Conference Finals contro Indiana pesasse 271 libbre, mentre al termine ne pesasse 278 (più di 3kg). Gli stessi suoi compagni agli Heat rimasero sconvolti da quello che videro sulla bilancia. Detto questo, però, non si è ben capito come si sia potuta avverare una cosa così, ai più inesplicabile…

Facendo un salto avanti fino ad oggi, più volte LeBron ha ammesso che questa stagione è quella in cui si sente meglio in assoluto, e contro i Bucks giocherà la sua 70esima partita consecutiva stagionale ed è in linea per giocare tutte e 82 le gare in programma. Cosa mai successa nella sua carriera quindicennale.

Dietro a tutto questo c’è Donnie Raimon che lo segue ogni giorno con programmi appositi per mantenere probante un fisico incredibile che mamma Gloria ha donato a LBJ. Raimon e Mike Mancias, colui che si occupa del fisico di James in pratica da quando è entrato nella NBA, lavorano sempre in coppia interagendo di continuo per assicurarsi il meglio dal suo assistito ed evitargli problemi nella parte finale della sua carriera. Grazie al loro lavoro, da quel problema all’ernia che lo aveva limitato nel 2015 a sole 88 schiacciate – nelle Finals era costretto a sedute di svariate ore prima e dopo le partite, oltre a varie punture di antidolorifico, per riuscire a stare in campo tutta la partita che andava ad affrontare – lo scorso anno ha schiacciato ben 145 volte, segnando il suo record in carriera. Oltre a loro due, ci sono poi i fisioterapisti ed allenatori specializzati della squadra, ben 5, che si prendono cura ogni giorno della salute di LeBron e dei suoi compagni.

Insomma, come detto dallo stesso LeBron James dopo la sua 14esima tripla doppia stagionale (nel frattempo è arrivato a quota 70 in carriera), è come il vino buono, che diventa ancora migliore con il passare degli anni…ma il merito è anche suo e di chi lo segue quotidianamente!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy