Tiago Splitter si ritira a soli 33 anni

Ritiro per il centro brasiliano ex Spurs, Hawks e 76ers

di Fabrizio Martini
That NBA Lottery Pick

Tiago Splitter si ritira: il centro brasiliano ha detto basta al basket giocato, dopo essere stato falcidiato dagli infortuni nelle ultime due stagioni ed aver giocato poco meno di 50 partite nelle ultime tre stagioni.

Arrivato giovanissimo in Europa al Baskonia, in cui ha giocato per 10 anni e vinto due Campionati spagnoli, Tiago è uno di quei giocatori “capolavoro” dei San Antonio Spurs, bravi a sceglierlo (Draft 2007, 28°scelta), lasciarlo maturare in Europa un paio d’anni monitorandolo per poi chiamarlo e migliorarlo ulteriormente.

Due i momenti topici della carriera NBA di Splitter:

  • Il primo durante Gara 2 di finale Playoffs 2013 contro i Miami Heat, in cui venne stoppato al ferro da LeBron James, in una delle più grandi giocate difensive del Re. I San Antonio Spurs perderò poi in 7 partite, nella serie del famoso tiro di Ray Allen in gara 6.
  • Il secondo invece fu l’anno seguente, in cui stoppò Dwyane Wade in gara 5 di Finale, ultima partita della serie che consegnò invece l’anello ai texani.

In un certo senso, Tiago è stato il simbolo di quegli Spurs, capaci di cadere, rialzarsi e tornare più forti di prima.

Nell’estate 2015, in cui già soffriva di problemi alla schiena, venne ceduto agli Atlanta Hawks per liberare spazio salariale, in quanto gli Spurs erano in procinto di firmare Lamarcus Aldridge. Tiago lasciò dunque il Texas dopo oltre 300 presenze in maglia neroargento, e da li in poi la sua carriera cestista andò via via spegnendosi: fu ceduto dopo due stagioni e una trentina di partite giocate ai Philadelphia 76ers, per poi venire tagliato in seguito.

Tiago ha già più volte commentato le partite dei compagni, sia durante il periodo Hawks che durante quello 76ers, per cui non è da escludere una carriera come telecronista.

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy