David West: “Andrea Bargnani e Bosh ora sarebbero dominanti”

L’ala ex campione NBA con gli Warriors parla degli ex lunghi dei Toronto Raptors, compreso il nostro connazionale Andrea Bargnani.

di Ario Rossi

David West ha parlato al podcast Virtual Waltch Party del sito Basketball News, dove è intervenuto insieme ad altri ex giocatori NBA come Ryan Hollins ed Etan Thomas. Tanti punti all’ordine del giorno, ma soprattutto uno, che interessa anche noi italiani: quella dell’attacco dei Toronto Raptors che, con Bosh e Andrea Bargnani, era avanti sui tempi.

Ecco cos’ha detto David West, campione NBA con gli Warriors, dicendo che gli arbitri ora puniscono di più le mani addosso, rispetto ad una volta.

“Quando Andrea Bargnani e Chris Bosh erano a Toronto, il motivo per cui quella squadra non ha funzionato è perché l’NBA ci ha permesso di picchiarli! Abbiamo picchiato forte su Bargnani, ci hanno lasciato bloccare anche Bosh. Lui e Bargnani, in questo momento, avrebbero dominato la NBA. Erano dannatamente impossibili da proteggere. Dico sul serio. L’unico motivo per cui Bargnani non ha avuto grande successo in carriera è stata perché gli arbitri hanno permesso a persone come me di picchiarlo! ”

“Nella NBA di oggi, avrebbe battuto chiunque perché sarebbe stato protetto. Rya, ti ricordi la sua finta e partenza dalla linea da tre? Nel basket di oggi ci avrebbe battuto ogni volta, all’epoca potevamo afferrarlo con entrambe le braccia”.

Andrea Bargnani nelle prime quattro stagioni andava in lunetta solo 3/4 volte a partita, poi nel 2010/11 e l’anno successivo toccò in media 5/6 giri in lunetta. In questi ultimi due anni segnava 21.4 e 19.5 punti di media.

L’ala centro romana è stata prima scelta al draft NBA nel 2006 e per i primi 5-6 anni ai Toronto Raptors fece benissimo. Poi un calo dovuto ai numerosi infortuni che non l’hanno più lasciato stare per il resto della carriera, con Knicks, Nets e Baskonia.

Andrea Bargnani e David West || Bleacher Report
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy