Durant sulla sirena: Oklahoma supera i Mavs e vola sul 4-0!

0

Dallas era finita sotto di cinque lunghezze a soli 46”, ma le triple di Terry e Carter (a 1”4) avevano consentito ai Mavericks di vedere finalmente la striscia del traguardo e, conseguentemente, la prima vittoria stagionale. Niente da fare, però: Durant cancella le 26 perse (ma 37/63 dal campo, pari al 58,7%) dell’attacco dei suoi in un sol istante e Oklahoma City è in festa.

 

 

Dallas parte benissimo e forzando un buon quantitativo di palle perse agli avversari riesce a fuggire subito sul 2-11. Brooks sospende la partita per parlarci un po’ sopra, ma Delonte West è tarantolato e consente agli ospiti di mantenere il vantaggio, almeno fin quando entra nella partita Russell Westbrook: bastano cinque punti del playmaker in maglia Thunder per chiudere il gap sul 18-21 e costringere Carlisle a chiedere timeout. Durant e Harden monopolizzano l’ultima parte del quarto e, attaccando il canestro in maniera assai decisa ed efficace, riescono a portare avanti in un paio di occasioni i Thunder, sebbene la tripla di Terry a 6”5 dallo scadere fissi il punteggio sul 28-29 Mavericks.

La piccola pausa sembra aver fatto bene a Dallas, che con i liberi di Nowitzki si porta sul nuovo +5. La velocità delle transizioni di Oklahoma City aspetta però soltanto un piccolo passaggio a vuoto dell’attacco ospite per bruciare celermente i 28 metri e andare a depositare facili canestri: è con l’inarrestabile contropiede che i Thunder riescono a riacciuffare nuovamente la parità a quota 35. Per qualche minuto l’equilibrio regna sovrano e le due squadre si annullano a vicenda producendo un bel basket e trovando il canestro con continuità, fino a quando i padroni di casa trovano l’llungo con un parziale di 10-0 che si traduce nel 46-54. Dallas questa volta non sprofonda e, nonostante il 20/33 (60,6%) dal campo concesso agli avversari, riesce a chiudere i primi 24′ a contatto sul 52-56.

I Mavericks escono bene dal riposo lungo e, grazie ai possessi sprecati da OKC e alla buona distribuzione delle responsabilità offensive, riescono a chiudere il solco e a mettere il naso avanti con la schiacciata di Marion (60-62). Il buon momento degli ospiti continua e il divario aumenta fino a toccare le otto unità con i liberi di Mahinmi; l’orgoglio di Oklahoma City torna però a farsi sentire più forte e i padroni di casa riescono a monetizzare un altro parziale di 10-0 mettendo la freccia con la tripla di Maynor che vale il 75-73.

I Thunder sfruttano la rottura prolungata dell’attacco degli avversari per piazzare il nuovo allungo sull’onda di Harden: bastano meno di tre minuti e i padroni di casa si ritrovano sopra di otto lunghezze. Dallas però non vuole mollare l’osso e con tenacia riapre la partita, riavvicinandosi pian piano fino a trovare addirittura il sorpasso con la tripla di Terry a 4’45”. Harden e Westbrook rimettono le cose a posto e firmano il +3 Thunder, quando Carlisle chiede minuto a 2’29”; Dirk impatta con la tripla a 1’39”, ma Durant e un dubbio fallo in attacco fischiato al #41 (che sfocia poi in un tecnico) consentono a Westbrook di segnare dalla media il 96-101 a 46”. Terry accorcia le distanze con la tripla del -2, Durant sbaglia la tripla per chiudere i conti, Ibaka è attivo a rimbalzo e finisce in lunetta con 9”7 sul cronometro, ma sbaglia entrambi i tentativi. Oklahoma City si dimentica colpevolmente in punta un Carter fin qui orribile, ma che trova la tripla del 102-101 a 1”4 dalla sirena. C’è ancora tempo per l’ultima sorpresa però; Sefolosha rimette per Durant che dai nove metri ha appena il tempo per girarsi e tirare. Si dice che i grandi giocatori escono nel momento in cui maggiormente conta e a giudicare dal risultato, Kevin Durant è un grande giocatore. La tripla muove appena la retina e Oklahoma City si porta sul 4-0.

 

 

OKLAHOMA CITY THUNDER – DALLAS MAVERICKS 104-102 (28-29; 56-52; 75-73)

OKLAHOMA CITY: Durant 30 (10/16, 3/5 da 3, 7/9 tl), Westbrook e Ibaka 16, Harden 15, Collison 8, Perkins 7, Maynor e Cook 5, Mohammed 2; rimbalzi: Durant 11, Ibaka 8, Perkins, Harden e Westbrook 4; assist: Durant 6, Westbrook e Harden 4

DALLAS: Nowitzki 29 (9/17, 1/4 da 3, 10/10 tl), Terry 16, West 15, Mahinmi 9, Marion, Haywood e Carter 8, Odom 4, Kidd 3, Sean Williams 2; rimbalzi: Nowitzki 10, Marion 6, Haywood 5; assist: Terry 9, Kidd 6, Nowitzki 4