NBA Finals, G1: Denver è meravigliosa, i Nuggets stravincono gara 1 sulle ali di Jokic e Murray. KO per i Miami Heat

0
NBA Finals
ESPN Stats & Info.

NBA Finals pronte al via, con Miami Heat e Denver Nuggets che inaugurano una serie finale decisamente inaspettata e inedita. I Nuggets hanno dominato la Regular Season e hanno il fattore casa, mentre i Miami Heat hanno giocato dei Playoffs meravigliosi sin qui dall’ottava piazza e passando per i Play-In.

QUINTETTO MIAMI HEAT: Vincent, Strus, Butler, Martin, Adebayo.

QUINTETTO DENVER NUGGETS: Murray, Caldwell-Pope, Porter, Gordon, Jokic.

Inizio scintillante di partita con i Nuggets che prediliscono i ritmi alti mentre Miami si affida a Jimmy Butler. É proprio la stella degli Heat a prendersi subito responsabilità ma per i padroni di casa c’è un Gordon onfire. L’ex Magic usufruisce dei continui mismatch e segna in un amen 8 punti sfruttando i muscoli sotto canestro. Denver continua a trovare tutte le soluzioni offensive principali, mentre Miami costruisce ottimi tiri ma non li segna, in particolare con Strus spesso libero sugli scarichi. Gordon è l’uomo che colpisce a ripetizione la difesa degli Heat con un Jokic dominante nonostante i 0 tiri presi dal campo, con 6 assist e un controllo pazzesco del gioco. Nuggets in controllo dopo 12 minuti di gioco, sul +9.

Continua a giocare bene Denver con Jokic in panchina a riposare, è il turno di Michael Porter Jr. L’ala entra in ritmo e segna canestri importanti che permettono addirittura ai Nuggets di allungare mentre la stella serba è in panchina. Bene anche Murray, dentro sin da subito in questa NBA Finals e protagonista dei Playoffs impressionanti sin qui. Miami, come nel primo quarto, trova ottime soluzioni in attacco ma non segna mai, in particolare con Strus e Martin, imprecisissimi dal campo. 10 punti e 10 assist con 3 su 3 dal campo per Jokic, ma grande prestazione di squadra che fa praticamente quello che vuole in attacco e chiude con un rassicurante +17.

Parte bene Miami con un parziale di 7-0 ma la difesa torna a creare numerosi problemi ai campioni della Eastern Conference. I Nuggets arrivano troppo facilmente al tiro (in particolare dalla lunga distanza ma anche attaccando l’area) sempre flirtando con i 20 punti di vantaggio, un bel e rassicurante vantaggio. Miami prova la zona, alternata spesso azione su azione con la uomo, ma Denver punisce ogni volta la difesa di Spoelstra con un tiro dalla lunga distanza. I Denver Nuggets hanno 5 giocatori in doppia cifra, il loro attacco è pressoché perfetto, a differenza di una distratta Miami che ha concesso tantissimo sin qui, chiudendo sul -19. 1 su 17 dal campo per il duo Strus – Martin mentre 24 punti per un gigante Murray che è il trascinatore dei Denver Nuggets in queste NBA Finals. +21 al termine dell’ultimo quarto.

I Miami Heat aprono l’ultimo quarto con un parziale di 11-0, ma Denver non si scompone e reagisce ripiazzando subito un contro parziale. Percentuali pessime al tiro per Miami (37% dal campo e 30% da 3 punti) che ha una super partita solo in Bam Adebayo, indispensabile i due lati del campo. Il finale non riserva sorprese. Denver gestisce con un Nikola Jokic eccezionale, alla tripla doppia all’esordio in una NBA Finals ma soprattutto per la gestione delle scelte in attacco, strepitose e in grado di mettere in ritmo chiunque. 2 tiri liberi tentati (e segnati) in tutta la partita per i Miami Heat, record negativo storico in una partita di NBA Finals.

1-0 Nuggets!

MIAMI HEAT @ DENVER NUGGETS 93-104 (20-29, 22-30, 21-25, 30-20) Serie sul 1-0 per i Denver Nuggets

MVP BasketInside: Nikola Jokic

HEAT: Butler 13, Martin 3, Adebayo 26, Vincent 19, Strus, Robinson 3, Highsmith 18, Jovic, Zeller, Yurtseven, Lowry 11.

NUGGETS: Gordon 16, Porter Jr 14, Jokic 27 (10 rimb, 14 ass) Murray 26, Caldwell-Pope 7, Green 4, Brown 10, Braun.