NBA Finals, G5: Golden State Warriors eroici! Curry e Thompson portano i campioni a gara 6

NBA Finals, G5: Golden State Warriors eroici! Curry e Thompson portano i campioni a gara 6

Pesa però l’infortunio di Durant, probabilmente al tendine d’Achille

di Matteo Andreani, @matty_vanpersie

Finalmente Kevin Durant! L’ala dei Warriors fa il suo esordio nella serie dopo l’infortunio che lo ha costretto ai box per numerose partite. KD è titolare e sfida una Toronto con l’entusiasmo a mille. I Raptors hanno il primo match point per ottenere uno storico titolo di fronte alle mura casalinghe della Scotiebank Arena di Toronto.

 

PRIMO QUARTO:

 

Iniziano forte i Warriors, come ampiamente pronosticabile. 5 su 5 da 3 punti per un pazzesco inizio offensivo dei campioni in carica. Kevin Durant, Stephen Curry e Klay Thompson fanno capire le intenzioni dei Warriors, in un inizio di altissimo livello per gli ospiti. Toronto sbanda ma resta attaccata grazie ad un Marc Gasol molto presente e coinvolto in attacco. Esce KD e i Raptors rimettono il muso avanti. Una grande difesa, unita ad una fisicità notevole porta i canadesi ad un immediato controsorpasso. Immenso inizio di Marc Gasol, dominatore assoluto del pitturato. Rientra KD, ricomincia a macinare attacco Golden State. Partita dal punteggio alto in questo primo quarto che vede i Warriors avanti di 6 lunghezze, grazie soprattutto a Steph Curry e Kevin Durant.

 

SECONDO QUARTO:

 

Come nel primo quarto, partono forte i Warriors. Ottimo attacco e triple a raffica con percentuali al tiro altissime per i campioni in carica. All’improvviso, però avviene il fatto che può svoltare l’intera serie. Kevin Durant si tocca il piede e si accascia a terra dopo un leggero contrasto con Ibaka. KD esce sorretto dai compagni. Serie finita per KD? Cala il silenzio nell’arena, sconcertata dal nuovo infortunio di Kevin Durant, nonostante sia un avversario. “Scongelato” dalla panchina DeMarcus Cousins che all’improvviso è un fattore. L’ex Kings segna 7 punti in fila, per il +11 Warriors che reagiscono da grande squadra. Ennesimo calo di concentrazione in casa Warriors, all’improvviso, quando tutto sembrava in controllo. Draymond Green si fa fischiare un evitabilissimo tecnico che rimette in partita i Raptors. I canadesi chiudono il quarto in recupero e si va all’intervallo lungo sul +6 per gli ospiti in una partita da tutta ancora da decidere.

 

TERZO QUARTO:

 

Un film già visto nei primi 2 quarti. L’inizio è interamente targato Golden State Warriors. La squadra di Steve Kerr non ci sta e non vuole finire la sua avventura stasera, sebbene l’infortunio di KD abbia sconvolto i piani dei campioni. Ottimo Andre Iguodala in entrambi i lati del campo, presente e con l’esperienza del grande campione. Toronto ripiomba oltre la doppia cifra di svantaggio, in una partita che vive di parziali. Difficoltà? No problem, l’eroe per i Raptors è Fred VanVleet! Il playmaker segna un paio di canestri assurdi che rimettono in partita pubblico e squadra. Questi Toronto Raptors non muoiono mai, nonostante un Kawhi Leonard con brutte percentuali al tiro. I canadesi cercano di riavvicinarsi ma non vanno mai sotto i 5-6 punti di scarto, con i Warriors pronti a premere sull’acceleratore con improvvise folate. A 12 minuti dal termine, gli ospiti sono avanti di 6.

 

QUARTO QUARTO:

 

Kyle Lowry non ci sta e si prende la squadra sulle spalle. Gran partita del playmaker ex Grizzlies e Rockets, vero leader di questa squadra stasera con un Leonard sotto tono sin qui. Impressionante botta di energia dalla panchina da parte di Serge Ibaka, difensore di prima categoria e sempre presente in attacco. Senza Curry e Thompson in campo, i Warriors soffrono tantissimo. Ad 8 minuti dal termine, siamo a sole 3 lunghezze di distanza, con un finale tutto da scrivere. Tripla di fondamentale importanza di Draymond Green, a rispondere a un super canestro da rimbalzo offensivo di Kawhi Leonard. A 5 minuti dal termine, grandissimo equilibrio con un finale impossibile da pronosticare. Finalmente il protagonista che tutti aspettavano è arrivato. Kawhi Leonard si accende nel finale ed è devastante. 10 punti consecutivi dell’ex Spurs, che spezza la partita in un modo devastante. In un amen è +6 Raptors, con 3 minuti da giocare e uno storico primo titolo che si avvicina per i canadesi. Finita? I Golden State Warriors non sono affatto di questo avviso. Stephen Curry e Klay Thompson segnano un parziale di 9-0 con 3 triple consecutive che riporta clamorosamente avanti i Warriors di 3 punti ad 1 minuto dal termine. Green commette un’infrazione di campo, sfruttata da Kyle Lowry per un lay-up che riporta i Raptors sul -1 a 30 secondi dal termine. Palla in mano per i Warriors. Errore clamoroso di Cousins, che commette un banalissimo blocco in movimento e consegna la palla della vittoria ai Raptors. Toronto crea un ottimo tiro in angolo per Kyle Lowry che però lo sbaglia. I Golden State Warriors non sono morti, espugnano la Scotiabank Arena e allungano la serie a gara 6. Si torna ad Oakland per un serie finale assolutamente imprevedibile da pronosticare.

 

Golden State Warriors @ Toronto Raptors 106-105 (34-28, 28-28, 22-22, 22-27)

Raptors: Lowry 18, Leonard 26 (12 rimbalzi), Siakam 12, Gasol 17, Green 4, VanVleet 11, Ibaka 15, Powell 2, McCaw.

Warriors: Curry 31, Thompson 26, Cousins 14, Iguodala 5, Green 10 (10 rimbalzi e 8 assist), Livingston, Looney 4, Bogut, McKinnie, Cook 3, Bell 2.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy