NBA Finals, Gara 1 – I Lakers dominano, Miami sepolta

Gara-1 delle Finals ha un solo padrone. Miami dura un quarto poi viene spazzata via dai Lakars che toccano nella ripresa anche il +30. Infortuni per Dragic e Adebayo.

di Alessandro Elia

I Los Angeles Lakers mostrano subito i muscoli e si portano a casa senza troppi problemi la prima sfida delle NBA Finals 2020. La resistenza dei Miami Heat dura poco più di un quarto, fino a quando la squadra di Vogel sistema le cose in difesa e inizia a sparare con allucinante precisione dall’arco dei tre punti.

Miami è partita fortissimo, quasi a cogliere di sorpresa Lebron James e compagni. Dopo 8′ di gioco gli Heat sono avanti 23-10 sospinti da un eccellente Jimmy Butler. Ma quando i Lakers iniziano a registrare bene la loro difesa per gli uomini di Spoelstra iniziano i problemi. L.A. recupera rapidamente lo svantaggio e chiude il primo quarto avanti 31-28. L’inerzia è già nelle mani dei gialloviola che iniziano a serrare la loro area e dall’altra parte del campo mitragliano la retina avversaria. Il parziale del secondo quarto dice 20-34 per i californiani che all’intervallo hanno già 17 punti di vantaggio con un “niente male” 11/17 da tre punti.

Nella ripresa gli Heat provano a reagire ma perdono quasi subito Dragic che non può più rientrare in campo per un guaio al piede sinistro. Stessa sorte poco più tardi per Adebayo che aggiunge al suo cronico infortunio al polso anche quello a una spalla. Spoelstra svuota la panchina sperando di trovare gloria da qualche improbabile protagonista. Nel frattempo i Lakers giganteggiano senza grandi difficoltà arrivando al 67-93 della terza sirena con il massimo vantaggio di 30 punti. Nell’ultimo quarto gara-1 perde di ovvio significato. Miami riesce a ridimensionare le proporzioni dello scarto che alla fine viene contenuto sul 98-116 finale.

Anthony Davis è l’MVP di gara-1 delle NBA Finals, Con i suoi 34 punti realizzati l’ex Pelicans è il primo giocatore dei Lakers a superare quota 30 in una gara di finale da gara-5 delle Finals 2010 quando Kobe Bryant ne realizzò 38. Per Davis 11/21 dal campo, 2/4 da tre e 10/10 ai liberi. Sfiora la tripla doppia Lebron James che chiude con 25 punti (9/17 dal campo, 2/4 da tre), 13 rimbalzi e 9 assist. Davis e James emulano così Kobe e Shaq, gli ultimi Lakers a segnare più di 25 punti in una gara di finale (gara-2 del 2004 vinta contro Detroit). Per i Lakers doppia cifra anche per Caldwell-Pope, Green e Caruso, in una partita dove Vogel ha mandato in campo 12 giocatori.
Negli Heat non può bastare Butler (23 punti, 8/13 al tiro, 2/4 da tre punti e 5/5 ai liberi). Tyler Herro chiude a 14 ma con basse percentuali (8/18 dal campo, 2/8 da tre). 12 punti per Crowder, l’unico altro Heat a superare i 10 punti realizzati.

 

MIAMI HEAT-LOS ANGELES LAKERS 98-116 (serie 0-1 )

MIAMI HEAT : J.Butler 23, D.Robinson, J.Crowder 12, B.Adebayo 8, G.Dragic 8, T.Herro 14, A.Iguodala 7, K.Nunn 18, K.Olynik 4, S.Hill 4, D.Jones Jr. 2.

LOS ANGELES LAKERS: A.Davis 34, L.James 25, K.Caldwell-Pope 13. D.Green 11, D.Howard 2, R.Rondo 7, K.Kuzma 3, A.Caruso 10, M.Morris 8, J.Dudley, Q.Cook 3.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy